"Anche le città hanno una voce" – Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Loreto – Si pensa a riprogettare Piazzale Loreto

Molto spesso abbiamo menzionato il grande piazzale di Milano, Piazzale Loreto. Più famoso per l’importanza strategica che per bellezza. Palazzi sorti velocemente nel dopoguerra, senza un vero intento architettonico, se non pochissimi casi, come il palazzo d’angolo con Via Porpora e Via Andrea Costa, o il palazzo per uffici tra Viale Monza e Via Padova. Per il resto una grande rotonda con due cespugli verdi e tanto catrame.

Per i pedoni gli attraversamenti sono sempre stati un problema, soprattutto per chi da Corso Buenos Aires vuole proseguire per Viale Monza o Via Padova (i più frequentati), infatti per attraversare bisogna fare un lungo percorso fino a Viale Brianza per poter attraversare oppure scendere nella metropolitana dove c’è il mezzanino che unisce gli angoli opposti del grande piazzale. Molti pedoni attraversano la piazza dove non devono per accorciare il percorso, soprattutto da dove si trova l’UPIM  verso il McDonald’s e viceversa, rischiando di venire investiti.

In questi giorni è apparso un articolo su La Repubblica con delle dichiarazioni da parte del Comune a proposito di un futuro rifacimento del grande piazzale.

Da Slargo informe e caotico a piazza urbana viva e vissuta dalla città.
Il progetto è di rendere piazzale Loreto meno ‘autocentrico’, sganciandolo dalle necessità del traffico secondo l’impostazione classica degli anni Sessanta: auto sopra, metropolitana sotto, pedoni attorno, livelli tutti sganciati. Si cambia filosofia. Questo è il sogno di Palazzo Marino per uno degli incroci più affollati, che è stato tribunale partigiano, luogo simbolo nella storia di Milano. Ci stanno lavorando gli esperti dell’Amat (Agenzia mobilità ambiente territorio, società del Comune) assieme a un team di consulenti di Mobility in chain.
Oggi il 56 per cento del piazzale è occupato dal traffico automobilistico, il 25 per cento è considerato terra di nessuno e il 19 per cento, di fatto i marciapiedi intorno al rondò, ha una vocazione pedonale. La missione è garantire più o meno gli stessi flussi di traffico (49 per cento), assicurano i tecnici, ridisegnandoli. Ma raddoppiare gli spazi pedonali e abbattere al cinque per cento la porzione di piazza inutilizzata. Già due anni fa, d’estate, si era tentato un esperimento. Sul modello della newyorkese Columbus Circle: una rotatoria ‘obbligata’, con l’interruzione della linea continua che unisce corso Buenos Aires a viale Monza attraversando la piazza. Il nuovo progetto, ancora in divenire e da realizzare dopo l’Expo – anche perché servono almeno dieci milioni, tutti da trovare -, potrebbe mantenere questa impostazione.
“Un’iniziativa su cui inizieremo a lavorare seriamente dopo l’Expo – spiega l’assessore alla Mobilità, Pierfrancesco Maran – per recuperare una delle piazze che abbiamo lasciato diventare uno svincolo: il nostro non è solo un progetto di mobilità ma un lavoro urbanistico, e anche sociologico”.

Noi abbiamo pensato subito ad un esempio che si trova a Stoccolma, Sergels Torg, la piazza del quartiere dello shopping e degli affari nella capitale svedese, e l’abbiamo adeguata a Piazzale Loreto con un po’ di fantasia. Purtroppo per i palazzi non si può fare nulla o poco, essendo questi proprietà private.

Questo è un semplice esempio, ribadiamo, non un effettivo progetto.

Loreto Esempio 1 Ora

Piazzale Loreto ora

Loreto Esempio 2 Progetto

Piazzale Loreto come potrebbe apparire

Map Piazzale Loreto

Piazzale Loreto mappa

Mappa Metropolitana Loreto Ipotesi

Mappa mezzanino metropolitana

Piazzale Loreto 1 Ora

Piazzale Loreto ora

Piazzale Loreto 2 Progetto

Piazzale Loreto come potrebbe apparire

 

Questa è la piazza Sergels Torg di Stoccolma, che potrebbe essere di ispirazione per Piazzale Loreto

Sergels Torg Stoccolma 1Sergels Torg Stoccolma 2Sergels Torg Stoccolma 3
Condividi su:Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Appassionato di architettura, urbanistica, trasporti e politiche del territorio. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile.org una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Lavora nell'amministrazione immobiliare in Ceigecond


10 thoughts on “Milano | Loreto – Si pensa a riprogettare Piazzale Loreto

  1. buonsenso

    Complimenti per il rendering.Veramente fatto bene.Ambiente piacevole .I due cubi forse stonano un po’.(Mancano comunque le numerose sagome dei venditori di borse e mendicanti vari).Certo, paragonare Milano con la civilissima Stoccolma è alquanto azzardato….

    1. Andy

      Le biciclette segono il proprietario: se vuole pedalare, fa il giro della piazza. Se vuole passare per la parte nuova, la spinge a mano. Dov’è il problema?

  2. Carlo

    Interessante progetto…
    Ma oggi la cosa è del tutto dimenticata o si può ancora sperare in una riqualificazione di piazzale Loreto?
    Potrebbe esser un punto bello e vivo della città, invece che soltanto una grande rotonda vecchia grigia e caotica

  3. gippo

    e il sig. Maran che dice? E’ molto attivo, su facebook, nell’esprimere propositi, non altrettanto nelle rendicontazioni dei suoi propositi 🙂

  4. Andy

    Solo un giornale comunista poteva parlare di piazzale Loreto come di “Tribunale partigiano”. Se questa è la democrazia di Repubblica, siamo freschi. Infatti in quella piazza si consumò una vergogna dopo un plurimo assassinio: appendere per i piedi dei cadaveri in un luogo pubblico – tra cui una donna innocente, colpevole solo di aver seguito il destino del proprio uomo – è quasi peggio della mistificazione storica che gli storici di sinistra (ossia il 100% di quelli che svolgevano tale professione) hanno fatto della Resistenza. Meglio concentrarsi sulla piazza e sui progetti per renderla vivibile, senza usare parole da vetero rossi sconfitti dalla storia.

    1. wf

      Studia la storia che li hanno appesi per i piedi in cima al distributore per evitare che venissero ulteriormente vilipesi dal popolo arrabbiato…

    2. acca

      convengo con wf che devi studiare, studiare, studiare (non accontentarti del detto mal comune mezzo gaudio, solo perchè gli altri fascisti sconfitti dalla storia non hanno voluto studiare)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.