"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Città Studi – Residenze Carlo Erba… ripartite

2017-03-11_Cantiere_Carlo_Erba_1

Ci siamo, dopo anni di abbandono, il cantiere delle Residenze Carlo Erba, nella piazza omonima, riprende a lavorare. Grazie all’aiuto di Banca Intesa che supporterà l’immobiliare Alfredo Morelli e il gruppo Navarra (che stanno realizzando le residenze Vico-Olivetani dell’architetto Daniele Fiori nei pressi di San Vittore), il cantiere ha cominciato ad essere operativo, dopo i problemi dovuti alle difficoltà di trovare un mercato per residenze dai prezzi esagerati (anche da diecimila euro al metro quadrato). L’inaugurazione era stata prevista per il 2015, dopo tre anni di lavori, ma come si è visto il cantiere aveva già subito un blocco totale nel 2014. Così assieme alle vicine residenze di via Andrea del Sarto/Tiepolo anche questo cantiere pare sia stato salvato in extremis e non rischia di finire nel degrado, destino che pare un po’ preoccupare molto gli abitanti di questo quartiere dal futuro ancora incerto.

 

2017-03-11_Cantiere_Carlo_Erba_2 2017-03-11_Cantiere_Carlo_Erba_3 2017-03-11_Cantiere_Carlo_Erba_4 2017-03-11_Cantiere_Carlo_Erba_5




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile.org una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione. Da grande farò il sindaco. Lavoro come Digital Artist presso CowBoys


6 thoughts on “Milano | Città Studi – Residenze Carlo Erba… ripartite

  1. GG

    Bravi pirla a costruire appartamenti dozzinali da 10000 euro al m2 in zona città studi. Per quella cifra io voglio come minimo la vista sul duomo.

  2. Anonimo

    Hai ragione ma magari adesso si riallineano con i prezzi di mercato della zona e il complesso non sarà più dimora di scappati di casa che altro non fanno che importunare i residenti della zona !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.