"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Bus e Metrò gratutiti per chi usa la bici

«Abbonamenti gratis per chi pedala». È l’ultima proposta del movimento Salvaiciclisti, che chiede a Campidoglio e Atac di premiare chi dimostra di aver pedalato a Roma, magari apponendo un contachilometri sulla bicicletta. A tre anni dalla morte della giovane Eva Bohdalova, travolta e uccisa da un taxi su via dei Fori Imperiali mentre rientrava a casa in bicicletta, i ciclisti romani sono tornati sul luogo dell’incidente per dimostrare che nulla – da allora – è cambiato: «Auto e moto continuano a disattendere i limiti di velocità e le strade sono sempre più pericolose per chi usa le due ruote ecologiche come mezzo di spostamento». Soprattutto, rilanciano i ciclisti, sul fronte mobilità «l’amministrazione comunale dimostra un immobilismo preoccupante». Mentre «tutto il resto d’Europa investe sulla ciclabilità – dice Paolo Bellino del movimento Salvaiciclisti – la Capitale d’Italia continua a ignorare la pericolosità delle strade e l’importanza di investire su un piano serio».

«CICLABILITA’ AL PALO» – Da tempo le associazioni dei ciclisti chiedono una limitazione effettiva della velocità su via dei Fori Imperiali: ripetutamente sono stati effettuati monitoraggi, che hanno dimostrato che auto e moto, lungo la strada superano abbondantemente i limiti: «Serve una zona 30, soprattutto nel centro storico, e servono vigili che facciano rispettare i limiti». E la seconda stoccata dei ciclisti è proprio per il comandante dei vigili romani, Carlo Buttarelli, che in una recente intervista ad un quotidiano aveva ipotizzato multe, in base al codice della strada, per chi si muove sulle due ruote con le cuffie o pedala sui marciapiedi. «Premesso che i ciclisti devono rispettare il codice della strada – sottolineano i cicloattivisti – e che non portare gli auricolari è meglio, non sono certo le cuffie, l’assenza di casco o di specchietti e il comportamento spesso additato come irresponsabile dei ciclisti a creare incidenti. Lo sono invece l’assenza di piste ciclabili e di incroci sicuri, il grave ritardo della mobilità ciclistica della Capitale».

«PIU’ SICUREZZA» – E le associazioni non mancano di ricordare al Comune la carenza di rastrelliere per il parcheggio delle biciclette e criticano le previste nuove sanzioni: 80 euro per chi la posizione attaccata a un palo, fuori dagli spazi consentiti, 39 euro per i ciclisti che procedono sui marciapiedi. Al tempo stesso, in questi anni, i ciclisti urbani hanno più volte evidenziato come il Piano quadro della ciclabilità, presentato nella primavera del 2011 e approvato un anno dopo, sia ancora lontano dall’essere realizzato. E da quel giorno dell’autunno 2009 altri ciclisti sono rimasti vittime di incidenti: tra gli altri, in piazza Re di Roma e in via Salaria.

Simona De Santis
Corriere della Sera – Roma




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Claudio Nelli, 43 anni, milanese, nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile.org una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Con l’affermarsi dei Social Network, che richiedono sempre una maggiore velocità di aggiornamento, Urbanfile è stato affiancato da un blog che giornalmente segue la vita di Milano e di altre città italiane raccontandone pregi, difetti e aggiungendo di tanto in tanto alcuni spunti di proposta e riflessione. Ma il percorso non poteva finire qui e nel 2015 fonda Dodecaedro Urbano, un contenitore per nuovi progetti e nuove sfide che coinvolgeranno sempre di più lo sfaccettato mondo delle città


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.