"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Volontari arredano a verde la via Caronda

Dopo la felice esperienza delle aiuole di viale Fleming, rinate dopo la pulizia e la cura dei volontari della sezione etnea del forum di architettura e urbanistica di Skyscrapercity.com e fan della pagina Catania di Facebook, la storia si è ripetuta.

Stavolta è toccato a via Caronda, nella sua parte più alta: l’isola di traffico all’innesto sul viale Andrea Doria e la rotatoria all’incrocio con via Rosso di San Secondo, prima assolutamente vuote e ricettacolo di sporcizia, sono adesso delle ricche e decorate aiuole, dotate di yucche, cycas, melograni e altre piante ancora, tutte armoniosamente collocate per curare anche l’aspetto estetico.
Merito dei ragazzi volontari, dunque, che hanno speso l’intera mattinata dello scorso sabato 1 dicembre per fare un regalo alla propria città. Stavolta hanno anche trovato appoggio da parte delle istituzioni, attraverso l’Assessorato all’Ecologia del Comune di Catania, che ha aiutato con i propri mezzi i ragazzi nel trasporto delle piante da loro procurate e fornito parere tecnico sulle piantumazioni, affinché l’intervento potesse ben riuscire e durare nel tempo. Aspetto, quest’ultimo, che dipenderà anche e soprattutto dalla manutenzione che proprio l’amministrazione comunale si è impegnata a garantire, come d’altra parte dovrebbe essere del tutto scontato, trattandosi di aree pubbliche.

La rotatoria appena ricolmata di terra, prima della piantumazione delle piante
La rotatoria dopo la posa delle piante

L’isola di traffico, all’innesto sulla circonvallazione, nella sua nuova veste

Oltre ai due siti citati, l’opera di riqualificazione ha interessato anche la vicinissima area verde, dotata di bambinopoli, che si trovava pure nel degrado: palme morte (rimosse dai ragazzi) ed erba alta hanno lasciato spazio a cycas, palme washingtonia, oleandri, yucche e, in particolare, a un piccolo carrubo proveniente dal quartiere di San Cristoforo. Quest’alberello ha una storia particolare: era stato piantato da Mario La Rosa, un privato cittadino catanese, nella piazza San Cristoforo, sita nell’omonimo quartiere, già dimenticata dall’amministrazione comunale e abbandonata a se stessa. A novembre il piccolo miracolo, di cui si è occupato già questo blog (vedi), con la piazza del tutto riqualificata grazie all’intervento di una trasmissione televisiva, che però aveva comportato la rimozione del carrubo. Donato alla città era stato e in dono alla città, dunque, rimarrà, anche se a qualche chilometro di distanza.

L’area della bambinopoli, a lato dell’antico acquedotto, prima dell’intervento

Volontari al lavoro
L’area della bambinopoli dopo l’intervento. In primo piano, il carrubo proveniente da San Cristoforo

L’opera di piccole ma significative riqualificazioni di aree degradate nel segno del verde, dunque, prosegue. I volontari, in numero crescente, hanno già la prossima data per una nuova azione di giardinaggio urbano: 22 dicembre. Chi volesse partecipare o contribuire, con piante e/o manodopera, contatti gli organizzatori attraverso questo stesso blog.




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.