"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Dai diamanti non nasce niente…

In questi giorni c’è stato un gran fermento, una notizia dal quartiere San Cristoforo ha riempito qualche spazio nei quotidiani e nei network locali (Terme romane: volontari del Gapa e cittadini al lavoro per ripulirle su Cataniapubblica.tv; San Cristoforo, pulizia alle Terme romane «Rilanciare il quartiere a partire dal turismo» su CTzen.it; Gapa e volontari riconsegnano le Terme romane di Sant’Antonio alla città di Catania su BlogCatania.com; citiamo anche l’articolo de iCordai apparso il 5 maggio, Abbiamo acceso una luce). Stranamente non si parla di spaccio. Stranamente non si parla di sequestro. Stranamente non si parla di illegalità.
Il quartiere di San Cristoforo, rappresentato dai Giovani Assolutamente Per Agire, in accordo con il Parco Archeologico Greco-Romano di Catania e dei Comuni limitrofi e con la collaborazione di volonterosi cittadini (tra questi anche una rappresentanza di questo Blog, insieme ai colleghi di BlogCatania.com e di SkyscraperCity), guanti e scope in mano si è dato da fare sostituendo gli operatori ecologici per ridare luce alle dimenticate Terme di Sant’Antonio.
Terme di Sant’Antonio tra degrado…
La storia è semplice. In pieno quartiere si trova un balneum, forse privato, di epoca romana, “riscoperto” nel 1995, periodo in cui venne “preservato” da una tettoia in ferro e vetro antiproiettile. Per assurdo, proprio la copertura sta “uccidendo” lentamente le Terme a causa dell’effetto serra che facilita la crescita di vegetazione spontanea e l’aumento di insetti. Essendo l’area isolata, è stata anche scelta da una colonia felina quale punto dove far nascere i cuccioli, il che rende impossibile ricorrere alle pulizie chimiche e meccaniche del sito. Oltretutto, in tempo di crisi non ci sono fondi per garantirne la pulizia.
Fin qui il problema. I GAPA, invece, sono stati la soluzione.
Un piccolo esercito di volontari del quartiere ha pulito a mano l’intera area archeologica, nonché la passerella in vetro che circonda la stessa, garantendo adesso una buona visibilità del balneum.
Abbiamo scritto volontari. In realtà questo piccolo esercito è riuscito ad ottenere un vero e proprio compenso in cambio della pulizia – che garantisce ordinaria – e forse il compenso più ambito dai GAPA stessi: l’adozione del monumento. I GAPA garantiranno quindi oltre la pulizia, la visibilità dell’edificio, portandovi turisti e visitatori, allestendo laboratori didattici, reintegrando le Terme con il quartiere.
… e possibilità.

Ai GAPA l’Assessorato comunale alla Sanità e al Randagismo e l’Associazione Le Aristogatte hanno promesso di prendersi cura della colonia di gattini (allontanatisi spontaneamente durante le opere di pulizia).

Una piccola luce che potrebbe un giorno essere un faro in una città come Catania, dove a fare notizia usualmente è ben altro. Un piccolo seme che, se ben curato, può mettere radici e crescere. Come cantava qualcuno, … dal letame nascono i fior.
Area di intervento in pianta…
(da MG Branciforti, ‘Da Katane a Catina‘, in  Tra lava e mare – atti del Convegno, 2010, p. 236)
… e dal vero.
Condividi questo articolo su:
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.