"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Darsena – Impossibile attraversare Viale Gabriele D’Annunzio

 

Viale Gabriele D’Annunzio è una specie di autostrada cittadina: niente incroci o semafori per più di mezzo chilometro; una specie di invito a nozze per quelle automobili che possono percorrerlo a velocità sostenuta (anche se siamo in pieno centro abitato), rendendo rischioso, quando non del tutto impraticabile, un qualsiasi tentativo di attraversamento dalla Darsena verso le Vie Arena, Conca Del Naviglio, Panzeri o Galeazzo Alessi.

Da pochi mesi, come sappiamo, la Darsena è stata riaperta al pubblico, un’operazione straordinaria che ha reso oggi quest’area una delle più attrattive della città. Peccato che, come ci è stato fatto notare, per i pedoni non sia per nulla semplice attraversare la strada da un marciapiede all’altro del viale. Ci sono solo due possibilità: in piazza XXIV Maggio (Porta Ticinese) e in piazza Cantore (Porta Genova). Non sarebbe cosa buona e giusta installare uno o due semafori pedonali lungo il viale, così da poter consentire un facile attraversamento da chi abita nel quartiere della Conca del Naviglio, senza dover camminare per centinaia di metri prima di trovare un passaggio sicuro? Facciamo anche notare che sul viale si affaccia una scuola elementare.

 

Condividi questo articolo su:
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Appassionato di architettura, urbanistica, trasporti e politiche del territorio. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile.org una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Lavora nell'amministrazione immobiliare in Ceigecond


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.