"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Expo: dopo sei mesi si smonta la baracca

Dopo sei mesi si smonta la baracca.

Era il 31 Marzo 2008 e Milano si aggiudicava l’evento espositivo per il 2015. Oggi siamo giunti all’ultimo giorno, da dopodomani si smonteranno i padiglioni e si tornerà tutti a casa.

Un successo, a dispetto delle malelingue, dei pessimisti e dei detrattori che non sono mancati, un successo che si è visto nelle facce felici dei 21 milioni di visitatori che si sono recati ad Expo.

Sono arrivati in visita oltre 60 fra Capi di Stato e Primi Ministri a cui si è aggiunto qualche centinaio di ministri; si sono visti sul Decumano celebrità pop come Sharon Stone o Bono degli U2.

Anni di corse, progetti, qualche furbetto, ritardi, veleni e allegrie, ma alla fine ce l’abbiamo fatta tanto da incassare gli elogi del presidente di Anac Raffaele Cantone, mentre riceveva dal sindaco Giuliano Pisapia il «Sigillo» della città.

Sei mesi di un evento internazionale racchiuso nei pochi metri quadri di una zona al confine tra Milano e Rho. Architetture fantastiche e brutte messe assieme per attirare i visitatori, assieme ad eventi, culture, esposizioni di ogni sorta e cibi variegati.

Dal 2 novembre si inizieranno a smontare i padiglioni, creati in molti casi per durare solo sei mesi. Peccato perché alcune strutture erano belle e perfette per altri scopi. Alcuni padiglioni saranno ricostruiti altrove, nei Paesi d’origine o donati ad altri.

Qualcosa rimarrà a Milano, come la rete del Brasile o la struttura del padiglione della CocaCola.

Il Nepal metterà in vendita le sue colonne intarsiate, noi di Urbanfile, speriamo tanto che in parte rimangano qui e vengano collocate nel nuovo Museo delle Culture ad esempio.

Come ben sappiamo vivranno dopo Expo anche edifici realizzati per rimanere – come il Padiglione Italia o l’Albero della Vita  oltre ai canali che caratterizzano il sito Expo – oppure salvati dalla demolizione come il Padiglione Zero.

Peccato, secondo noi, che perderemo le quattro sculture di Libeskind, quelle che hanno animato Piazza Italia per tutto il periodo di Expo grazie a Siemens: saranno infatti collocate in altre città dove la Siemens ha i propri uffici.

Rimane poi l’incognita della destinazione dell’area ora che l’Expo si chiude e che la maggior parte dei padiglioni verrà smontata. Le ipotesi che si sono fatte sono molteplici, dal costituire un centro di ricerca avanzata al fare una cittadella dello sport con un nuovo stadio di proprietà di una delle due squadre di calcio cittadine.

Qualsiasi sia il futuro, confidiamo che sia all’altezza del recente passato, perché di questa Esposizione Universale rimanga alla città e ai milanesi un luogo che soddisfi le aspettative e le ambizioni che, anche grazie ad Expo, Milano ha nuovamente cominciato ad avere.

 

Expo_Albero_VIta_1

studio-libeskind_wings_expo

2015-07-25_Expo_Roserio_7.jpg 2015-07-25_Expo_Roserio_1.jpg Expo_Italia Expo_Cile Expo_Cina Expo_Vanke 2015-09-19_Expo_15 2015-09-19_Expo_14 2015-09-19_Expo_13 2015-09-19_Expo_12 2015-09-19_Expo_11 2015-09-19_Expo_10 2015-09-19_Expo_9 2015-09-19_Expo_8 2015-09-19_Expo_7 2015-09-19_Expo_6 2015-09-19_Expo_5 2015-09-19_Expo_4 2015-09-19_Expo_3 2015-09-19_Expo_2 2015-09-19_Expo_1




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


2 thoughts on “Expo: dopo sei mesi si smonta la baracca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.