"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Zona Stazione Centrale – Quel puzzo insopportabile!

Ultimamente, nonostante la stazione all’interno sia stata rinnovata e ora sia brillante e pulita come il salotto di casa propria, passando per Piazza Duca D’Aosta si viene accolti da un odore di urina terrificante che aleggia persino all’interno della Galleria delle Carrozze della Stazione.

Questo è dovuto forse al bivacco di nullafacenti che anima la piazza. Possibile non intervenire in qualche modo? Possibile non trovare soluzioni, sia per i bivacchi che per l’olezzo insopportabile.

La Stazione Centrale è una delle porte di accesso alla città più importanti e più trafficate, sarebbe bello accogliere i visitatori e i cittadini in maniera più civile, a nostro avviso.

 

2015-11-08_Stazione_Centrale_2 2015-11-08_Stazione_Centrale_3 2015-11-08_Stazione_Centrale_1




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


2 thoughts on “Zona Stazione Centrale – Quel puzzo insopportabile!

  1. Davide Mombelli

    Sono passato domenica in Centrale e benché i lavori di rinnovo della piazza abbiano ridato un po di smalto alla nostra bella stazione, la situazione in duca d’aosta non è un bel biglietto da visita per chi arriva, da turista o da cittadino!
    Altro che bivacco! c’era proprio la gente sbragata in terra, con gli zaini e le coperte, facce poco raccomandabili, e zero forze dell’ordine!
    Oltretutto l’odore di urina non è solo fuori, ma anche dentro la stazione, visto che nei vari anfratti, nonostante le telecamere, abitano loschi figuri!
    Idem la sera sotto i portici di Vittor Pisani.
    Io capisco che ci possano essere diversi e validi motivi per dover vivere sotto le stelle, però non capisco come il comune non intervenga per portare queste persone in luoghi più dignitosi in cui passare il giorno e la notte…e non mi riferisco agli alberghi 5 stelle! ma alle varie case di carità presenti in città.
    Poi, se vuoi venirci con le buone al caldo, con una scodella di minestra ed una doccia, meglio, altrimenti di peso ti ci porto io se fai storie alla carità offerta. E non è per cattiveria o razzismo…è solo che è brutto vedere persone accampate alla bell’e’mmeglio in ogni dove…da senso di sporcizia, di incuria nonché di non sicurezza. E poi è un costo! ogni volta che qualcuno ci rimette la pellaccia, le spese se le sobbarca l’intera città, e quindi tanto vale cercare di ridurre al minimo i senzatetto e gli sfollati fuori da dove possano ricevere un minimo di assistenza e usare meglio i soldi che comunque si spendono…anche nel caso di scelte personali.
    Adesso che i turisti son tornati dopo anni di abbandono…vogliamo farli scappare di nuovo? Vogliamo vanificare gli sforzi di una città che sta rifiorendo?

  2. Tyreal

    Ho un’idea: riapriamo i bagni della stazione, anziché farli a pagamento. Magari così la gente che bivacca non la fa fuori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.