"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Pasquirolo – La Galleria del Corso, decadente

La Galleria del Corso di Milano per chi non lo sapesse, è un passaggio coperto che collega corso Vittorio Emanuele II con Piazza Beccaria. I lavori per la sua costruzione iniziarono con molto ritardo (visto che un primo progetto vene proposto nel 1918) attorno al 1926 su progetto dell’architetto Pier Giulio Magistretti, per concludersi solo nel 1935. Da subito venne criticata per le sue forme sgraziate, soprattutto sproporzionate e troppo monumentali su piazza Beccaria, all’epoca una piazzetta dimessa, e poco originale. L’aspetto è un tardo art decò senza particolari fronzoli. Divenne suo malgrado un centro per la vita serale e luogo mondano nel centro di Milano, qui all’epoca si affacciavano ben tre cinema e nelle vicinanze vi erano due teatri, radunando sotto la sua cupola appassionati dei due generi di intrattenimento e locali serali. Negli anni Sessanta e Settanta divenne anche luogo d’incontro per i musicisti e i cantanti in cerca di successo.

Nel 2011 è stato compiuto un parziale restauro della Galleria in seguito ai lavori di allestimento di un centro commerciale al suo interno che ha occupato gli spazi un tempo dell’ex cinema Excelsior.

Ma questo non è bastato, perché il decadimento di questa galleria è andata avanti senza arrestarsi, sino a ieri, quando alcuni calcinacci sono precipitati a terra spaventando i passanti. Erano quasi le 17,00 quando alcune macerie si sono distaccate da un edificio le cui pareti esterne affacciano sulla volta della galleria. I calcinacci hanno sfondato alcuni pannelli della copertura mandandola in frantumi e sono piombati sul pavimento. Nessuno è rimasto ferito, neppure un gruppo di clochard che solitamente si ritrova nella Galleria.

Anche il fatto stesso che all’interno di questa Galleria soggiornino oramai da lungo tempo, almeno una decina di clochard aiuta la sensazione di disagio che si percepisce attraversandola.

Insomma, Excelsior-Coin, Bershka e Mango non sono bastate a portare il rinnovo all’enorme struttura e a renderla più bella e sicura. Speriamo nei prossimi mesi si provveda a qualcosa.

 

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Galleria del Corso

 

I vetri rotti dopo la caduta dei calcinacci della sera di domenica scorsa

Galleria del Corso_Degrado_1 Galleria del Corso_Degrado_2 Galleria del Corso_Degrado_3 Galleria del Corso_Degrado_4 Galleria del Corso_Degrado_5 Galleria del Corso_Degrado_6

 

Galleria del Corso_1

Galleria-del-corso-Milano-3

Condividi questo articolo su:
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.