"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Lorenteggio – Poco rispetto per le piccole vittime del Lorenteggio

Sono trascorsi più di sessant’anni dalla tragica sciagura avvenuta il 21 marzo 1951 nel quartiere Lorenteggio di Milano, quando il crollo del muro di cinta della scuola elementare “Devota Maculan”, all’angolo con Via Inganni, provocò la morte di 14 studenti, tredici bambine e un bambino.

Le piccole vittime uscendo da scuola, mentre aspettavano le mamme, si erano riparate dal forte vento sotto il muro dell’istituto, realizzato da poco tempo; erano quasi tutte bambine perché i maschietti erano usciti qualche minuto prima. Il muro, fatto in pesanti pietre, rovinò sugli studenti, uccidendone 14.

Sul luogo della tragedia, di fronte alla scuola, sorge adesso un monumento di ferro battuto e pasta di vetro, con il nome delle piccole vittime, a dire il vero un’opera un po’ misera e invisibile posta al centro della grande aiuola centrale della via Lorenteggio. Mentre sulla parete del nuovo muro venne posta una targa sulla quale sono incise poche, toccanti parole: «A ricordo dei quattordici fiori qui tragicamente schiantati». Peccato che il rispetto per questa tragedia non sia mantenuto neanche dal buonsenso di non mettere cartelloni pubblicitari proprio sopra la targa. Quasi un affronto.

Lorenteggio_maculan_X

Lorenteggio_maculan_0

Questo è il rispetto della memoria…

Lorenteggio_maculan_1 Lorenteggio_maculan_2 Lapide_maculan 2016-02-15_Lorenteggio_Devota_Maculan_1 2016-02-15_Lorenteggio_Devota_Maculan_2 crollo_muro_lorenteggio_1951 Articolo_crollo_muro_lorenteggio_1951

Condividi questo articolo su:
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.