"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Brisa – Torre dei Gorani al centro del rinnovo

Sarà la luce intensa della giornata dei giorni scorsi, sarà il blu del cielo, sarà il verde dei carpini, sarà il candore del nuovo Palazzo Gorani o sarà la magia della ritrovata torre medievale dei Gorani, ma l’effetto dell’insieme, anche se per alcune persone stona col contesto (ma avete visto i brutti palazzi che si affacciano su via Brisa?), questo luogo è al centro di un bellissimo rinnovo urbano. Un rinnovo sorto sulle ceneri dei bombardamenti, sui resti del palazzo imperiale di epoca romana sul degrado rimasto invariato per oltre sessant’anni. Sicuramente qualche dettaglio sarebbe da approfondire e discutere, ma il gioiellino della torre al centro della piazza fa scordare qualsiasi cosa.

La torre per ora è stata restaurata in modo conservativo, perciò non è stata alterata la struttura, ma è stato solo rifatto il tetto e all’interno è stata collocata una scala in metallo, oltre ad aver messo in sicurezza la struttura. Le colonnine, ancora fasciate per proteggerle dal tempo e dai lavori verranno in seguito liberate, così come il soffitto che ora appare chiaro, sarà scurito, per non risultare eccessivamente “rinnovato”.

PS: ricordiamo che, come oramai è risaputo, in Italia non si ricostruisce il falso storico, pertanto non è stata concepita la ricostruzione del vecchio palzzo dei Gorani così com’era ma si è preferito costruire un edificio nuovo e d’architettura di pregio.

2016-04-19_Brisa_Gorani_0

 

Un po’ di foto scattate attorno alla torre dei Gorani, al nuovo giardino e ai resti del palazzo imperiale.

2016-04-19_Brisa_Gorani_1 2016-04-19_Brisa_Gorani_2 2016-04-19_Brisa_Gorani_3 2016-04-19_Brisa_Gorani_4 2016-04-19_Brisa_Gorani_5 2016-04-19_Brisa_Gorani_6 2016-04-19_Brisa_Gorani_7 2016-04-19_Brisa_Gorani_8 2016-04-19_Brisa_Gorani_9 2016-04-19_Brisa_Gorani_10 2016-04-19_Brisa_Gorani_11 2016-04-19_Brisa_Gorani_12 2016-04-19_Brisa_Gorani_13 2016-04-19_Brisa_Gorani_13B 2016-04-19_Brisa_Gorani_14 2016-04-19_Brisa_Gorani_15 2016-04-19_Brisa_Gorani_16 2016-04-19_Brisa_Gorani_16B 2016-04-19_Brisa_Gorani_17 2016-04-19_Brisa_Gorani_18 2016-04-19_Brisa_Gorani_19 2016-04-19_Brisa_Gorani_20 2016-04-19_Brisa_Gorani_21 2016-04-19_Brisa_Gorani_22 2016-04-19_Brisa_Gorani_23 2016-04-19_Brisa_Gorani_24 2016-04-19_Brisa_Gorani_25 2016-04-19_Brisa_Gorani_26 2016-04-19_Brisa_Gorani_27_Mosaico 2016-04-19_Brisa_Gorani_28_Mosaico 2016-04-19_Brisa_Gorani_29 2016-04-19_Brisa_Gorani_30 2016-04-19_Brisa_Gorani_31

Cartolina da Milano -Torre dei Gorani limma

Cartolina da Limmaginario by Carlo Martegani

 

Condividi questo articolo su:
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


9 thoughts on “Milano | Brisa – Torre dei Gorani al centro del rinnovo

  1. papoff

    sono d’accordissimo.
    ci sono stato ieri e l’impressione è stata molto buona.
    non ho capito se ci sarà anche un accesso pubblico anche da via gorani lato via borromei, il lato opposto a via brisa per intenderci.
    questo renderebbe davvero la piazza ancora più permeabile e fruibile.

  2. Claudio K.

    Sì, è uno degli interventi più belli e misurati degli ultimi anni.

    Quella di evitare il falso storico è una tendenza internazionalmente consolidata, che però in Italia a volte arriva a dei veri e propri eccessi.

    Cito come esempio la fontana di piazza Giulio Cesare, che ha meno di 100 anni di vita e quindi non è “antica” da nessun punto di vista, dove sono stati lasciati perfino i nasi e le dita staccate delle statue e alcuni rilievi sbeccati sul basamento. Mah.

    Vorrei ricordare che se nel dopoguerra avessero dato retta a quest genii radical-chic, oggi non avremmo né la Scala, né la Galleria (entrambe pesantemente danneggiate dai bombardamenti), l’Ultima Cena sarebbe un pezzo di muro circondato da un parallelepipedo di cemento (il Refettorio era crollato) e mancherebbero perfino alcune guglie del Duomo.

    E non avemmo più né il ponte coperto di Pavia, né Ponte Vecchio a Firenze, né tantissimi altri monumenti italiani.

    Personalmente rabbrividisco all’idea del Cenacolo ingabbiato in qualche struttura anni 60.

    In Giappone, da secoli i templi scintoisti — che sono tutti di legno — ogni tot anni vengono ricostruiti da capo a piedi con legno nuovo, assolutamente identici, e nessuno si sogna di dire che sono dei falsi storici.

  3. Claudiogi

    L’intervento di messa in sicurezza della Torre dei Gorani, la creazione di un bel giardino al posto di un orrendo parcheggio nonchè l’esistenza delle brutte costruzioni in Via Brisa non bastano a rendere presentabili quegli impattanti edifici bianchi modello fabbrichetta di periferia anni sessanta. Direi tutto fuorchè un’edilizia di pregio. Peccato, consoliamoci guardando la torre, il giardino, i mosaici e le vecchie case di questo brano della città storica non tanto rispettato dai progettisti dell’intervento.

  4. Davide

    Secondo me questo spazio urbano e’ un vero guazzabuglio. Architetture di varie epoche che fanno a pugni tra di loro sparpagliate qui e là, rovine antiche monche assolutamente a disagio. Un vero senso di disordine. Senza contare le nuove costruzioni a mio avviso banali.

  5. Anonimo

    Architetture banali e semplici, ma forse la sceltà progettuale è stata proprio quella di non voler sottolineare il nuovo intervento edilizio lasciando parlare sullo sfondo della cortina scenica bianca gli edifici antichi in cotto.

  6. wf

    Un’occhiata dal vivo è d’obbligo per verificare se gli edifici brutti e bianchi di Lugano addio sono così scialbi e Bigi come in foto.
    Comunque è sempre un bene restituire alla città spazi fruibili di sosta e ristoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.