"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Porta Magenta – Parcheggi in divieto – Santa Maria alla Porta

Il segnale divieto di sosta è probabilmente il cartello più ignorato dagli automobilisti.

Se viene messo in un luogo, il motivo ci sarà, no? Eppure quante volte, se ci facciamo caso, si parcheggiano le macchine sotto questo cartello (l’esempio di qualche articolo fa, dove la gente è sempre costretta a camminare per strada perché le auto impediscono il passaggio sul marciapiede).

Le multe, che pure talvolta vengono emesse, paiono non costituire un sufficiente deterrente.

In questo post vi presentiamo la situazione in Via Santa Maria alla Porta, proprio di fronte alla chiesa barocca che da il nome alla via.

In questo punto la strada è rimasta quasi com’era, col vecchio sagrato in pietra davanti alla chiesa e le vecchie colonnine con catenella.

Al posto del marciapiede il Comune ha fatto dipingere una striscia continua con il segnale dei pedoni.

Lavoro inutile poichè lo spazio viene sempre utilizzato come perfetto parcheggio per autovetture. Anche qui il cartello, ben evidenziato, pare sia invisibile per gli automobilisti. Creare un marciapiede con colonnine e dissuasori sarebbe chiedere troppo?

 

2016-04-05_Parcheggi_Via_Santa_Maria_Porta_3

2016-04-05_Parcheggi_Via_Santa_Maria_Porta_0 2016-04-05_Parcheggi_Via_Santa_Maria_Porta_2 2016-04-05_Parcheggi_Via_Santa_Maria_Porta_1




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


2 thoughts on “Milano | Porta Magenta – Parcheggi in divieto – Santa Maria alla Porta

  1. Claudio K.

    Non è un caso se anche in paesi europei con molto più senso civico del nostro la sosta viene abitualmente impedita con mezzi fisici (parigine, dissuasori, dislivelli, ecc) invece che con un semplice quanto inefficace cartello!

  2. gino

    ma dai…se togliete parcheggi dappertutto….
    tre quarti dei divieti di sosta milanese non hanno senso e sono messi solo per fare cassa.Concordo che in altri casi invece andrebbe giustamente punito con la rimozione forzata immediata dei cafoni che la parcheggiano li (come forse l’esempio della foto..)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.