"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Servizi: Amsa ci prova con la street-art

Un “ombra” disegnata come se fosse proiettata sotto ogni cestino di via Torino, recita: Ci sta? I cestini stradali sono solo per rifiuti di piccole dimensioni.

E’ la trovata-avviso, dipinta a terra da Amsa in corrispondenza di ogni cestino per sensibilizzare e avvertire gli utilizzatori dei contenitori di rifiuti posti in giro per la città che questi non sono fatti per accogliere qualsiasi tipologia di immondizia, ma solo le carte o piccoli oggetti che dobbiamo gettare quando siamo in giro per strada. Per i rifiuti più grandi ci sono i contenitori nei condomini oppure si fa richiesta all’Asma stessa per la loro rimozione.

Purtroppo troppo spesso i cittadini gettano qualsiasi cosa all’interno dei cestini e soprattutto i loro rifiuti domestici, quasi una facile soluzione per eludere il rigido regolamento condominiale, e diciamo anche, per pigrizia.

Un’abitudine di pochi che danneggia la collettività: gettare i rifiuti domestici è un comportamento che, oltre a nuocere alla raccolta differenziata, molto spesso causa l’ostruzione della bocca del cestino e favorisce l’abbandono di sacchetti accanto ai contenitori.

Nel 2016 il conferimento dei rifiuti nei cestini stradali è cresciuto dell’8%. Nel corso del 2015 le squadre dedicate al servizio di svuotamento dei cestini hanno raccolto 30.700 tonnellate di rifiuti, 24.800 tonnellate nei primi 9 mesi del 2016. Il servizio clienti di Amsa riceve mediamente 30 contatti alla settimana dai cittadini che segnalano la presenza di cestini pieni in città (1.600 nel 2016).

cestino1 cestino2

2016-10-05_amsa_1 2016-10-05_amsa_2

Condividi questo articolo su:
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


5 thoughts on “Milano | Servizi: Amsa ci prova con la street-art

  1. robertoq

    Giusta campagna e grafica figa.
    Però il messaggio è leggermente fuorviante: pile, lampadine e medicinali scaduti son di piccolissime dimensioni. AMSA è sicura sicura che sian solo le dimensioni il criterio su se usare o meno i cestini per le strade?

  2. Walter

    ARTICOLO 35

    DIVIETO DI IMBRATTARE E DETURPARE SEGNALETICA E MANUFATTI PRESENTI NELLE AREE PUBBLICHE

    1. È vietato imbrattare, affiggere manifesti o adesivi e deturpare muri, segnaletica ed i manufatti permanenti presenti nelle aree pubbliche o di uso pubblico, nonché fare uso delle strutture e degli arredi in modo non conforme alla loro destinazione.
    2. Le sanzioni per la violazione delle disposizioni di cui al comma 1 saranno in caso di imbrattamento a carico dell’autore della violazione, in caso di affissione di manifesti o adesivi a carico dell’autore della violazione in solido con l’intestatario del messaggio.

    Nel novembre 2008, con una Delibera di Giunta, il Comune di Milano ha deciso di elevare l’importo della sanzione in misura ridotta da € 50,00 a € 450,00. La decisione è stata presa con l’intenzione di colpire in modo più severo gli imbrattatori.

  3. -Ale-

    A me piace.
    Sembra ben fatto ed è un raro esempio di comunicazione tra enti pubblici e cittadini, originale e immediato
    Immagino sia temporaneo, altrimenti poi diventerebbe ridicolo e inutile.

  4. Piero

    Anche a me piace molto! La grafica è carina e il messaggio ci sta. Io poi aumenterei i controlli e le multe. Se uno lascia i rifiuti per strada danneggia il decoro e la comunità!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.