"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Precotto – Art déco: la Ricevitrice Nord AEM

precotto-la-ricevitrice-nord-aem-nel-1938-40

La Ricevitrice Nord AEM Via Ponte Nuovo, 100

Inaugurata dal principe Umberto II di Savoia l’8 dicembre 1932, la Ricevitrice Nord, con la sua struttura composita e lievemente déco, è da sempre uno dei luoghi identificativi del quartiere popolare di Precotto e ancora svetta come una cattedrale dorata, nella periferia a due passi dal nuovo quartiere Adriano.

Dopo la prima Guerra Mondiale AEM decise di incrementare le centrali elettriche in Valtellina. Nel frattempo i vertici dell’azienda energetica milanese  decisero anche l’avvio di un potenziamento della centrale cittadina di piazza Trento e della linee di trasporto; a tal scopo negli anni immediatamente successivi venne realizzato un secondo elettrodotto dalla Valtellina, alla tensione di 130 kV, che fece capo alla nuova stazione di arrivo di Precotto, detta Ricevitrice Nord, che venne edificata per assolvere al compito di ricevitrice elettrica nella zona a nord della città in seguito all’aumento di potenza degli impianti idroelettrici valtellinesi (essa fu collegata anche con piazza Trento da alcuni cavi che attraversarono la città in cunicoli sotterranei). La Ricevitrice ancora oggi svolge il ruolo per cui è stata costruita, distribuendo energia a una grande parte dell’area metropolitana milanese.

precotto-giochi-dacqua-temporanei-installati-presso-la-ricevitrice-nord-aem-milano-antonio-paoletti-13-settembre-1938precotto-la-ricevitrice-nord-aem-nel-1950-52

Segnaliamo la bella mostra allestita da AEM alla Casa dell’energia e dell’ambiente di Milano, in via Po 3 e intitolata Le cattedrali dell’energia. Architettura, industria e paesaggio nelle immagini di Francesco Radino e degli Archivi Storici Aem.

La rassegna è divisa in due sezioni: la prima è costituita dalla campagna fotografica a colori realizzata da Francesco Radino nel 2016 per illustrare gli edifici simbolo di Aem, tracciando un lungo percorso che dalle centrali valtellinesi porta in Friuli e che dai termovalorizzatori lombardi giunge agli splendidi invasi della Calabria. Nella sezione dal taglio storico, un’accurata selezione di scatti fotografici in bianco e nero, appartenenti al patrimonio fotografico conservato negli archivi storici Aem, illustra le strutture industriali della prima metà del Novecento. La mostra sarà aperta fino al 27 gennaio, ingresso libero.

2016-12-07_-precotto_ricevitrice_nord_aem_1 2016-12-07_-precotto_ricevitrice_nord_aem_2 2016-12-07_-precotto_ricevitrice_nord_aem_3 2016-12-07_-precotto_ricevitrice_nord_aem_3b 2016-12-07_-precotto_ricevitrice_nord_aem_4 2016-12-07_-precotto_ricevitrice_nord_aem_5 2016-12-07_-precotto_ricevitrice_nord_aem_6 2016-12-07_-precotto_ricevitrice_nord_aem_7

Condividi questo articolo su:
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


5 thoughts on “Milano | Precotto – Art déco: la Ricevitrice Nord AEM

  1. Ilaaa

    Mi incuriosisce molto la seconda immagine dell’articolo, quella raffigurante un edificio con una serie di cascate sulla facciata. Si tratta di un’immagine di fantasia o di una sorta di progetto d’epoca?

  2. Filippo

    La seconda foto rappresenta dei giochi d’acqua, temporanei, realizzati probabilmente come era d’uso per l’inaugurazione del 32 con il principe Umberto.
    Giochi simili con acqua e luce (ricordo un video che circola presso gli archivi AEM) vennero realizzati nel 34 per l’inaugurazione da parte di Mussolini della centrale di ricezione sud a Morivione (più grande e monumentale). Entrambe oramai inglobate dalla città sarebbero più da valorizzare come edifici per esposizioni ed eventi man mano che il loro ruolo industriale viene meno.

  3. GArBa

    notate le strutture provvisorie al di sotto e i fari sulle “cascate”, si tratta certamente di un allestimento scenografico messo in piedi per l’inaugurazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.