"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Porta Venezia – Trovati i resti di San Dionigi

Foto Corriere della Sera

Effettivamente sono stati ritrovati i resti dell’antichissima Basilica di San Dionigi a Porta Venezia. Circa un mese fa sono cominciati gli scavi archeologici all’interno dei Giardini Pubblici Montanelli, nell’area conosciuta dove si trovava la basilica fondata nel 380 dopo Cristo da Sant’Ambrogio assieme alle altre tre (in tutto erano quattro: Basilica Prophetarum –Basilica di San Dionigi ; Basilica Martyrum – Basilica di Sant’Ambrogio; Basilica Apostolorum – Basilica di San Nazaro; Basilica Virginum – Basilica di San Simpliciano) ai quattro punti cardinali del nucleo romano di Mediolanum.

I resti ritrovati pare siano murature del IX Secolo, di sicuro un primo rifacimento della basilica, dove vennero reimpiegate anche parti della precedente chiesa, infatti sono presenti mattoni romani nelle fondazioni. Al contempo sono stati ritrovati anche i resti di tre tombe, una delle quali contiene uno scheletro e anche una rosa in marmo bianco.

Ora gli scavi proseguiranno seguendo l’andamento delle mura ritrovate. Purtroppo al momento, la parte forse più antica si trova sotto il terrapieno dei bastioni e quindi di difficile indagine. Una volta terminate le indagini si pensa di restituire lo spazio archeologico alla città e di valorizzarlo con un pergolato o un roseto, come ha dichiarato la Soprintendente alle Belle Arti, la Dottoressa Antonella Ranaldi. La Basilica venne demolita in parte per far spazio alle mura di difesa spagnole, ricostruita in epoca barocca, la chiesa, sconsacrata, venne definitivamente abbattuta nel 1783 per creare i giardini pubblici.

Foto Pierfrancesco Maran

Condividi questo articolo su:
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Con l’affermarsi dei Social Network, che richiedono sempre una maggiore velocità di aggiornamento, Urbanfile è stato affiancato da un blog che giornalmente segue la vita di Milano e di altre città italiane raccontandone pregi, difetti e aggiungendo di tanto in tanto alcuni spunti di proposta e riflessione.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.