"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Sant’Ambrogio – Cantiere M4: muri e archeologia, fine giugno 2018

Notizia di pochi giorni fa, quella del ritrovamento sotto piazza San Vittore (tra la basilica seicentesca e il Museo della Scienza e della Tecnica) di una porzione del muro romano del Mausoleo Imperiale, nello scavo cominciato il 15 giugno per realizzare uno dei cantieri provvisori per la realizzazione delle aree di sosta delle talpe (le altre sono, oltre all’area Sagrato S. Vittore al Corpo, l’area Pusterla e l’area Basilica). Qui sotto dovranno passare ad una ventina di metri sotto il livello stradale i due tunnel della linea blu.

Per questi cantieri le fasi di lavorazione saranno le seguenti: anzitutto gli scavi archeologici e rilievi del caso, la realizzazione dei diaframmi e iniezioni di consolidamento.

Ieri siamo passati a vedere la situazione e come si può notare dalle foto, l’area è cintata e impossibile da vedere. All’interno del piccolo cantiere si trova il muro romano rinvenuto.

 

Sempre dal 15 giugno sono in corso altri interventi esplorativi proprio davanti all’ingresso secolare di Ansperto, alla Basilica di Sant’Ambrogio. Salvo imprevisti, il cantiere rimarrà sino ad aprile 2019 (il cantiere verrà chiuso temporaneamente nel mese di dicembre 2018 e in occasione della Pasqua 2019 per non ostacolare la straordinaria presenza di fedeli e cittadini in occasione delle solennità di Sant’Ambrogio e delle festività natalizie), e una volta ultimato e rimosso, doterà la basilica di accesso per disabili.

Altro muro rinvenuto è sbucato anche nel fossato della Pusterla di Sant’Ambrogio, con ogni probabilità un muro medievale (visibile nelle foto 5 e 6).

Abbiamo scattato anche tre foto al cantiere De Amicis dove sono in azione le kelly per realizzare i diaframmi contenutivi per lo scavo della stazione.




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.