"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Duomo – Nuova luce e un salto nel passato per la Galleria

Emozioni in Galleria.
Metti una sera come tante. Stai tornando a casa e sei così stanco che non ti accorgi quasi più di essere in piazza del Duomo. Poi, all’improvviso ti appare la Galleria, vestita di arancione. Dicono ci sia un evento. Dicono che questa mattina c’erano alcuni addetti che vestivano i lampioni di arancione.

Nessuno sa nulla. Che importa. Tu sei lì a bocca aperta a guardare una meraviglia dipinta di arancione.

La stanchezza ha ceduto il posto all’emozione. Grazie Milano. Ogni giorno, anche con un piccolo gesto, mi regali un brivido e un abbraccio.

Queste foto sono dedicate a voi che mi seguite e seguite le mie fotografie. Se non siete ancora a casa, buon rientro. Se siete già arrivati, buonanotte.

Così commentava ieri sera Andrea Cherchi, fotografo straordinario di Milano e non solo, passando in Galleria e soffermandosi a immortalare la novità in una sequenza di foto straordinarie.

Così le attuali sfere bianche che si trovano su eleganti montature in rame, un tempo alimentate a gas, in questi giorni tornano calde, donando nuovamente alla galleria una luce come quella che vi era 150 anni fa o come quella immortalata dal grande Boccioni. Chissà se rimarrà così o se sarà un intervento temporaneo.

 

Infatti da ieri i Milanesi hanno potuto gustare un assaggio della nuova illuminazione pensata per la Galleria Vittorio Emanuele II.

Per la Galleria, A2A e Martini Light ha realizzato un progetto illuminotecnico di grande fascino, mettendo in campo grande competenza e gusto estetico. La scelta dei prodotti è ricaduta su apparecchi dalle elevate prestazioni e dall’estetica essenziale che ben si sposa nel contesto storico.
Illuminazione dal basso delle mezzelune decorate dell’ottagono:

  •  AVELINE 1200*OTTICA 15X44° 3200K 30 LED SPECIAL

Illuminazione d’accento delle aquile ai lati delle mezzelune dell’ottagono:

  • LUX260*24 LED WARM WHITE 3200°K SPOT SPECIAL

Illuminazione morbida ed uniforme a proiezione delle facciate dei quattro bracci della galleria, con installazione degli apparecchi dietro al parapetto del balcone a mezz’altezza per minimizzare abbagliamento e visibilità degli apparecchi:

  • LUX260*COB 60W 3000K CRI>80 WIDE SPECIAL

Illuminazione morbida ed uniforme a proiezione delle facciate dell’ottagono:

  • LUX260*COB 60W 3000K CRI>80 WIDE SPECIAL

Risultati significativi sono stati possibili grazie all’utilizzo della tecnologia LED ad alta resa cromatica, temperatura di colore 3200°K (4000) e vita media 50.000h. Fattori che hanno permesso di migliorare la qualità della luce ed il flusso ottimizzato attraverso l’utilizzo di ottiche specifiche che limitano l’abbagliamento diretto verso i fruitori.
Il progetto ha permesso una ottimizzazione tecnologica ed energetica.
Sono stati rimossi 169 corpi illuminanti e installati 144 nuovi apparecchi.

 




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


8 thoughts on “Milano | Duomo – Nuova luce e un salto nel passato per la Galleria

  1. _

    “Così le attuali sfere bianche che si trovano su eleganti montature in rame, un tempo alimentate a gas, in questi giorni tornano calde, donando nuovamente alla galleria una luce come quella che vi era 150 anni fa o come quella immortalata dal grande Boccioni.”

    In realtà la Galleria Vittorio Emanuele è illuminata elettricamente e non a gas dal 1883. Boccioni aveva un anno.

    E’ anche vero che fino a pochi anni fa l’illuminazione elettrica era molto più “calda” di quella odierna a led (o meglio dei led dell’illuminazione pubblica Comunale….), ma niente a che vedere col rosso che si vede nelle foto.

  2. Davide V.

    Magari le foto non rendono ma ho l’impressione che abbiamo esagerato. Un conto è una luce più calda al posto della luce neutra attuale in modo che sia più simile a quella emessa dalle vecchie lampadine ad incandescenza, un conto è una luce arancione artificiale (come pare sia questa) molto più simile ai vecchi lampioni stradali pre led..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.