"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Cascina Merlata – Montata la gru per le torri di Cino Zucchi: ottobre 2018

Nel Settore R9 di Cascina Merlata, nell’area dell’Expo Village, finalmente è stata montata la prima gru per le due torri progettate dallo studio Cino Zucchi Architetti, già predisposte nella parte delle fondamenta nel 2015. L’altezza della più alta delle due torri residenziali sarà di 84 metri per 24 piani.




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


14 thoughts on “Milano | Cascina Merlata – Montata la gru per le torri di Cino Zucchi: ottobre 2018

    1. Anonimo

      E’ edilizia residenziale agevolata, non uffici di superlusso. Volevi andare ancora più in alto per stiparci ancora più gente?

      1. S. Pasquin

        Però non si capisce perché l’edilizia convenzionata debba essere per forza brutta…
        Solo gli uffici superlusso possono essere belli?

        1. Andy

          Ma davvero.
          A questo punto potevo disegnarlo anche io un condominio di edilizia “agevolata”. Mi chiedo solo per chi sia agevolato. Spero non per gli ultimi arrivati in Italia ma per chi risiede qui da almeno 20 anni.

  1. gg

    MAH, esiste edilizia agevolata molto più bella. Sinceramente avere le periferie piene di torri in mezzo a parchi sta iniziando a diventare un pò antiquata come idea. Preferirei case continue che diano sulla strada e piazze simili a quelle in bicocca, senza palazzoni di 84 (!) metri. vabbò

    1. Andy

      Sono d’accordo con te. Gli stessi palazzi potevano essere costruiti in orizzontale, creando quindi edifici di 2 o 3 piani, magari con un po’ di verde condominiale dove favorire gli incontri tra condòmini (poi se ti capita pure una vicina di casa avvenente, hai un luogo romanticissimo dove contare le farfale)

  2. Anonimo

    Il centro commerciale lo fanno? Non che mi piaccia l’idea dell’ennesimo centro… ma senza di quello, il nuovo quartiere Merlata sarà senza alcun servizio, solo palazzoni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.