"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Fopponino – Piazzale Aquileia e il distributore di benzina: nuovo capitolo

Ci sono luoghi e situazioni in città che a volte sembrano più complicati di quel che dovrebbero essere.

Un esempio è il distributore di benzina in piazzale Aquileia, attivo sino al 2010-11, poi dismesso e rimasto inattivo e apparentemente abbandonato al degrado ma in bella mostra per oltre 5 anni, come avevamo più volte fatto notare. Da qualche mese, come avevamo nuovamente notato, finalmente pare sia stata risolta la questione e a breve aprirà un nuovo distributore.

Anni di degrado trascinati sicuramente da cavilli burocratici che alla fine si sono risolti rimettendo l’attività dov’era. Perlomeno non vedremo più un distributore abbandonato.




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


3 thoughts on “Milano | Fopponino – Piazzale Aquileia e il distributore di benzina: nuovo capitolo

  1. max 76

    insomma io ci abito a 150 metri di distanza e posso garantire che in zona non se ne sentiva proprio il bisogno.
    Ci sono 2 distributori di benzina in piazzale Baracca e un’altro grosso in viale papiniano, entrambi a poche centinaia di metri da Piazzale Aquileia.

    Temo che sia del tutto insostenibile dal punto di vista economico. Così dopo poco ci ritroveremo con altro distributore che chiude per fallimento e si tornerà al degrado per anni, visto che nessuno si occupa in tempi rapidi della bonifica dei serbatoi sotterranei….

  2. DAVIDE

    La piazza avrebbe bisogno di una bella riqualificazione, togliendo tratti di rotaie da tempo dismesse, sistemando i pietroni e valorizzando e curando il verde, che è l’ unica cosa bella ormai rimasta nella piazza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.