"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Bicocca – Campus Viale dell’Innovazione: aggiornamento gennaio 2019

Ecco le ultime immagini dal cantiere per la torre del pensionato di Viale dell’Innovazione alla Bicocca. Edificio ormai giunto a buon punto. Abbiamo fatto una serie di foto cercando di mostrarvi ogni lato del nuovo edificio.

Il Campus Innovazione (nome del residence) è un progetto del Sistema Integrato dei Fondi di Housing Sociale (FIL/Fondo immobiliare di Lombardia di Investire) e sarà gestito da In Domus Milano che oggi gestisce già anche Campus Certosa – Milano Bovisa Politecnico – e Campus Monneret – Milano Città Studi.

I Campus In Domus sono strutture abitative all’avanguardia, dotate di ogni confort che offrono agli studenti residentil’opportunità di vivere il soggiorno come momento di socializzazione, condivisione e, quindi, accrescimento del valore dell’esperienza nella città di Milano.

L’edificio di Via dell’Innovazione si compone di un mix funzionale di alloggi e stanze per complessivi 460 posti letto, collocati tra il primo e il quindicesimo piano dello stabile.

Ci sarà anche una fantastica palestra al 15 piano con vista sullo skyline di Milano e sulle alpi.

Condividi questo articolo su:
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


13 thoughts on “Milano | Bicocca – Campus Viale dell’Innovazione: aggiornamento gennaio 2019

  1. Luigi C

    Alla redazione di Uf,

    in tutti gli articoli riguardanti progetti o interventi edilizi, potreste cortesemente inserire il nome dello studio che ha sviluppato il progetto ed eventualmente anche l’operatore economico che ne ha curato lo sviluppo?
    So che è vostra abitudine farlo, ma ho notato che in molti articoli di questo genere mancano i riferimenti dei progettisti.
    Questo in modo da poter riconoscere la paternità di tutti gli interventi.

    Vi ringrazio per l’ottimo lavoro che quotidianamente fate per migliorare la città.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.