"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Porta Genova – Riqualificazione fermate tram 2: via Valenza Ripa, febbraio 2019

Quasi terminata la prima delle fermate del tram 2 ad essere riqualificata, ecco che tocca alla seconda fermata, sempre in via Valenza, ma nei pressi della Ripa di Porta Ticinese.

Attesi da anni i lavori per la riqualificazione delle fermate ATM della line 2 dei tram, lungo il tratto che va da piazzale della Stazione di Porta Genova sino a Piazzale Negrelli, costeggiando il Naviglio Grande lungo la Ripa di Porta Ticinese e la via Lodovico Il Moro, sono in fase di attuazione. Siamo in attesa degli sviluppi.




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


9 thoughts on “Milano | Porta Genova – Riqualificazione fermate tram 2: via Valenza Ripa, febbraio 2019

  1. robi

    via Valenza avrebbe bisogno di sistemarci anche i relativi marciapiedi in tutta la via: troppo stretti e con pali che ne ostruiscono il passaggio di parte di chi si stanno ricostruendo a norma le fermate, oltre al pochissimo spazio tra auto in sosta e ingombro dei tram che compromette molto in fatto di sicurezza e incagli.
    Dal lato ferrovia il marciapiede andrebbe eliminato o ridotto all’osso con le auto in sosta a pochi centimetri dal muro, aumentando cosi lo spazio di corsia di marcia, nell’altro lato marciapiede unico e allargato con sosta abolita, ottenendo anche qui una corsia di marcia più ampia.

  2. robi

    ricordo anche che in viale Ungheria, via Mecenate e al Vigentino sono in corso lavori simili alle fermate e soprattutto sul 27 lavorano decisamente più veloce di questi in Porta Genova

    1. Andrea

      Sul 27 le fermate,piu’ che messe a norma,andrebbero eliminate…il tram si ferma qualcosa come 9 volte lungo la via Mecenate.Risultato: il fatto di avere la preferenziale diventa inutile e le vetture sono sempre ferme,senza mai raggiungere una velocita’ dignitosa.E’ una gestione della rete semplicemente vergognosa.

      1. robi

        una in via Mecenate è destinata ad essere cancellata, stessa cosa in viale Ungheria, quella in via Marco Bruto, una in viale Corsica ed una in corso XXII
        Marzo. Non mi sembra poco.

    1. Anonimo

      Penso facciano una banchina più larga, che facilita la salita e impedisce il parcheggio abusivo.

      In realtà c’è un’altra fermata 30 metri più avanti e poteva essere una occasione per sfoltirle queste fermate troppo appiccicate (magari facendo la ciclabile al posto delle auto in sosta), ma male non fa.

      Certo è deprimente al massimo che in quel punto dovremo vivere nello schifo di graffiti, marciapiedi minuscoli, auto accatastate, muro pericolante, adesivi, cacche di cane e piazzale stile Beirut 1970 in attesa di non si sa bene quando una riqualificazione pagata da chi metterà le mani sullo scalo dismesso (che peraltro non è ancora nemmeno dismesso….).
      Si va avanti troppo piano coi progetti.

    2. Morgana

      È davvero troppo, ancora la fermata, anzi, le fermate di via valenza non si vedono, ho chiesto anche agli autisti del 2 e non sanno niente. Il marciapiede è stato allargato, cosa staranno aspettando? Hanno fatto tutto in fretta e ora non si capisce il motivo di tanta attesa, sono passati quasi tre mesi

  3. Andrea

    Manca una norma che prescriva distanze piu’ ragionevoli fra le fermate,suddividendo le linee fra bus di quartiere,collegamenti tangenziali o tram di collegamento fra perifere e centro.E’ impensabile ma tristemente un dato di fatto che ci siano jumbo tram che viaggiano in corsie preferenziali senza la priorita’ semaforica e con fermate ogni 100 metri.Il 15 (metrotram,un eufemismo) impiega un ora per fare meno di otto chilometri fra Rozzano e Duomo con ben 29 fermate!Siamo al teatro dell’assurdo e chi gestisce la rete non batte ciglio…La velocizzazione del trasporto pubblico di superficie passa anche dalla razionalizzazione del numero di fermate e dall’eliminazione dell’anacronistica norma che vieta l’accodamento dei tram in fermata facendo perdere decine di minuti di viaggio.Inviterei l’assessore ai trasporti a farsi qualche viaggio in tram per le vie di Milano…si accorgera’ che farebbe prima a piedi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.