"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Crescenzago – Edilizia Residenziale Sociale di Via Rizzoli: febbraio 2019

Nuovo aggiornamento fotografico per vedere a che punto siano i lavori per la costruzione, in via Rizzoli a Crescenzago, del nuovo complesso di Edilizia Residenziale Sociale.

L’intervento di Housing Sociale sull’area di via Rizzoli nasce dall’iniziativa promossa dal Comune di Milano “Abitare a Milano III” che a mezzo di un bando prevede la realizzazione di edilizia residenziale in locazione a canone convenzionato, in locazione con patto di futura vendita ed in locazione a canone sociale.




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


One thought on “Milano | Crescenzago – Edilizia Residenziale Sociale di Via Rizzoli: febbraio 2019

  1. Anonimo

    Chiaramente non sono le residenze Liebeskind di Citylife, ma mi sembrano ben pensate, considerato anche che non credo siano case fatte per costare un botto (anzi).
    Poi chiaramente la differenza la fanno come son costruite (ossia che il costruttore non abbia fatto troppi compromessi) e come è studiato il complesso tipo accessi, aree comuni, socializzazione e sicurezza.
    Il colore invece è la solita tristerrima combinazione topo/beige-quasi-bianco ma non si può pretendere che una rivoluzione sull’uso di colori meno da “sciura maria” nasca nel settore dell’Edilizia Residenziale Sociale, o meglio quei tempi sono passati da decenni purtroppo.

    Se fossimo a Roma, penso che tutte quelle logge dopo 5 minuti verrebbero chiuse da oscene verandone fisse una diversa dall’altra (e una più brutta dell’altra) ma confido che a Milano si riesca a mantenere una minima civiltà ed evitare che accada, altrimenti sarebbe uno scempio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.