"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Porta Volta – Il giardinetto di via Bramante in riqualificazione: luglio 2019

Completato e in attesa di venire “collaudato” per venire aperto al pubblico, il nuovo giardinetto di via Fioravanti angolo via Bramante, tra Porta Volta e Chinatown.

Il piccolo lotto, in cui vi è un giardinetto da diversi anni è stato completamente riqualificato grazie agli oneri di urbanizzazione dell’Hotel Viu che sta esattamente di fronte. Una volta aperto, a prendersene cura sarà lo stesso hotel.

Condividi questo articolo su:
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Con l’affermarsi dei Social Network, che richiedono sempre una maggiore velocità di aggiornamento, Urbanfile è stato affiancato da un blog che giornalmente segue la vita di Milano e di altre città italiane raccontandone pregi, difetti e aggiungendo di tanto in tanto alcuni spunti di proposta e riflessione.


5 thoughts on “Milano | Porta Volta – Il giardinetto di via Bramante in riqualificazione: luglio 2019

  1. Anonimo

    Gia’ e’ bruttino cosi’, un murales completerebbe l’opera. Se poi se ne prendera’ cura un hotel di lusso non credo che abbia l’intenzione di ottenere l’effetto centrosociale.

    1. Anonimo

      Dimmi che non ci starebbe un murales come quelli che fanno in Francia dove creano un nuovo angolo di città con un effetto ottico, pur essendo solo su un muro.

  2. Massimo

    Non tutti i murali hanno a che vedere con i centri sociali…se fatto bene rende sicuramente meglio di un muro sporco. Questo dovrebbero capirlo anche i business man degli hotel di lusso (quelli che mettono tre parole inglesi ogni due italiane, quelli che passano la giornata andando da una riunione all’altra! proprio loro dovrebbero capirlo)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.