"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Portello – Demolizioni del complesso dell’ex chiesa del Cristo Re: metà novembre 2019

Un aggiornamento dal complesso in demolizioni dell’ex chiesa del Cristo Re in via Bartolomeo Colleoni 14 al Portello. Per ora è rimasta in piedi solo la chiesa, costruita nel 1926-27. Buona parte verrà salvata e trasformata in un mega Hotel.

Infatti diventerà, su progetto di Quattroassociati, l’ingresso principale del nuovo Hotel NH Collection Milano.




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


3 thoughts on “Milano | Portello – Demolizioni del complesso dell’ex chiesa del Cristo Re: metà novembre 2019

  1. Anonimo

    se non erro , dove essere edificato al suo fianco anche la nuova caserma dei carabinieri si sa qualcosa in merito?

    e’ un progetto molto bello parer mio.
    come ciliegina sulla torta, mi auguro che a fine lavori, vengano eliminate le auto dai parterre alberati. inguardabili!!

    1. Corinne

      I parcheggi auto sotto gli alberi possono essere eliminati solo a condizione che siano disponibili parcheggi sotterranei come in ogni città all estero, con aree riservate ai residenti. Altrimenti il disagio dei residenti, già messo a dura prova dai molteplici cantieri sarà insopportabile quando le migliaia di lavoratori cominceranno ad affluire nei nuovi uffici. L ideologia è una cosa, la vita reale ben altro.

  2. Corinne

    I parcheggi auto sotto gli alberi possono essere eliminati solo a condizione che siano disponibili parcheggi sotterranei come in ogni città all estero, con aree riservate ai residenti. Altrimenti il disagio dei residenti, già messo a dura prova dai molteplici cantieri sarà insopportabile quando le migliaia di lavoratori cominceranno ad affluire nei nuovi uffici. L ideologia è una cosa, la vita reale ben altro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.