"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Morivione – Un quartiere alla ricerca di se stesso: seconda parte

Seconda parte del nostro giretto dalle parti di Morivione, il quartiere a sud della Circonvalla, a due passi dalla Bocconi e da Fondazione Prada.

Proseguiamo il nostro tour nella zona di Morivione, il quartiere a sud del rilievo ferroviario che corre lungo viale Toscana, e che possiamo racchiudere tra le vie Bezzi, Ripamonti e Antonini.

Abbiamo percorso, nel precedente articolo, la via Verro sino a via Antonini. Ora, tornando alla biforcazione di via dei Fontanili e via Corrado II il Salico, che corre parallela al canale della Vettabbia, giungiamo a via Morivione, che zigzagando si unisce a via Rutilia che ci porterà in via Ripamonti.

Questo parte di Morivione, è ancora in attesa di trovare una direzione, qui troviamo palazzi ex-industriali abbandonati, terreni in attesa di venire bonificati e nuovi palazzi in costruzione o appena terminati.

Via Rutilia, si sta trasformando lentamente in via prettamente residenziale, chissà se anche i lotti ancora in disuso, verso via Morivione presto avranno una nuova destinazione.

In via Rutilia 10 persistono ancora degli edifici industriali del primo novecento, posti a ridosso della Vettabbia.

Rimane il “Quartiere Antonini”, un insieme di condomini popolari (440 appartamenti) a scacchiera inframezzati da giardini, sorto negli anni Cinquanta del ‘900 tra il complesso sportivo Forza e Coraggio a Est e dal vialone di via Antonini a Sud.

Vulgata popolare vuole che tra i primi abitanti di largo Caccia Dominioni ci fossero Rosa e Luigi Berlusconi.

Al centro del quartiere popolare, si trova Largo Camillo Caccia Dominioni, una piazza per fortuna lasciata a verde con aiuole a alberature.

Taglia il quartiere la via Luca Ghini, dove si tiene il mercato settimanale che si svolge ogni lunedì. La via è molto larga e quando non c’è il mercato diventa un parcheggio. Ci siamo sempre chiesti perché, come sempre, non potrebbe essere alberata pur mantenendo le sue funzioni di parcheggio e luogo dove svolgere il mercato ambulante?

Qui siamo in via dei Fontanili in direzione “Morivione Centro”.

Altro luogo, non luogo lungo la via Fontanili è senza alcun dubbio l’incrocio col tratto ovest di via Triso. Infatti la via è letteralmente spezzata in due dal Centro Sportivo Forza e Coraggio e prosegue sul lato opposto unendosi a via Ripamonti, creando a volte non poche incomprensioni logistiche.

Anche quest’incrocio potrebbe venire alberato e abbellito con un’aiuola.




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


2 thoughts on “Milano | Morivione – Un quartiere alla ricerca di se stesso: seconda parte

  1. Francesco De Collibus

    Grande, ma ora vogliamo un servizio sulla prima parte di via Tirso, con possibile approfondimento sul palazzo abbandonato da anni all‘angolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.