"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Porta Nuova – Piazza Principessa Clotilde e gli alberelli mancanti

Quanti alberi seccati e in attesa di essere sostituiti stiamo trovando in giro per la città ma anche quanti buchi senza alberi.

Purtroppo il prunus o prugnolo, la pianta a basso fusto, utilizzata in molte vie milanesi (sono gli alberelli con le foglie di colore bruno rossiccio), un genere di piante della famiglia delle Rosacee, unico genere della sottofamiglia delle Prunoidee, sembrano sempre molto delicati e spesso i loro rami secchi rimangono a lungo tempo senza venire eliminati.

Speriamo in questi giorni di piantumazioni folli da parte del Comune, che tanto ci piacciono, vengano anche ripristinate le alberature in piccoli spazi dove già c’erano, come qui in piazza Principessa Clotilde a Porta Nuova.




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


6 thoughts on “Milano | Porta Nuova – Piazza Principessa Clotilde e gli alberelli mancanti

  1. Anonimo

    Buche degli alberi a livello di terzo mondo con tutto il rispetto per i paesi in ritardo….ma siamo molto…troppo in dietro a Milano con questi spazi pubblici pietosi….Spazio pubblico a Milano= spazio di quello che capita e poi sopravvive all’incuria

  2. _

    “Speriamo in questi giorni di piantumazioni folli da parte del Comune, che tanto ci piacciono, vengano anche ripristinate le alberature in piccoli spazi ”

    Vorrei ricordare che per rispettare l’obiettivo di 3 milioni di nuovi alberi nel 2030, il Comune deve piantare 800 alberi al giorno ogni giorno dell’anno e in ogni stagione, domeniche e feste comprese senza interruzioni, da qui al 2030.

    Quindi tanto “folli” le piantumazioni del Comune di questi giorni non sono, anzi mi sembrano già in grande ritardo… A meno che non fosse un numero detto a caso, per tenerci buoni tanto siamo boccaloni. 😉

  3. Anonimo

    Ne piantassero un terzo ma piantati decentemente…quello che vediamo fare negli ultimi progetti e’ ridicolo…senza qualita’progettusle e tecnica non si conclude nulla…ma forse ai politici basta mettere il proprio nome e faccino di fianco alla cifra 3000000….poi tanto seccano dopo gli alberi o distruggono i marciapiedi….

    1. Anonimo

      Da una rabbia incredibile vedere queste immagini Milano è piena di situazioni simili a cui basterebbe veramente poco per rimediare.

      Inoltre, nonostante i vari proclami, ancora quando si costruisce o ristruttura in nuove aree, l’attenzione alla piantumazione di nuovo verde è pressoché inesistente.

      Bene che il comune abbia un piano di forestazione ma deve muoversi più in fretta e in maniera organizzata soprattutto nel centro della città. In sintesi cominciare ad alberare anche le numerose larghe vie e piazze del centro.

  4. Anonimo

    Al di là della mancanza di alberi, lo stato generale di manutenzione è vergognoso. E purtroppo non è l’eccezione ma la norma.

    Ma quelli vi sembrano i marciapiedi di una città europea???? Forse di Calcutta o Nairobi…

    E siamo in pieno centro a due passi dalle scintillanti torri di Porta Nuova…

  5. Anonimo

    Piano di forestazione???DISPONIBILE DA CONSULTARE?

    Cosa vuol dire???Cosa e come piantano?Dove e perche`?Quale e`il fine? Boschi, foreste urbane? Filari?aree umide?
    piazze o parchi?Viali???

    Dov`e`il piano??Quali i finanziamenti? Chi si occupa della gestione e monitoraggio del piano??

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.