"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Crocetta – La pietra del “tredesin de marz”

In corso di Porta Vigentina a Milano, a pochi metri da Crocetta, si trova la chiesa barocca dedicata a Santa Maria in Paradiso, con una facciata abbastanza semplice, tanto che potrebbe passare facilmente inosservata ed eretta nel 1590. Chiesa ricca di storia e al cui interno si trova una pietra molto preziosa per la storia stessa della città, sulla quale fu posizionata la prima croce cristiana di Milano.

Al centro della chiesa a navata unica di Santa Maria in Paradiso, si trova infatti una pietra circolare in granito con incisi tredici raggi a formare una sorta di sole, una pietra riconducibile appunto alla tradizione celtica.

La pietra, originariamente era collocata nelle vicinanze dell’odierno planetario di Corso Venezia. In quel luogo, San Barnaba, giunto a Mediolanum, il 13 marzo del 51 dopo Cristo, davanti ad un gruppo di curiosi, piantò una croce fatta con rami secchi e cominciò a predicare, dando inizio al cristianesimo in città

Inizialmente la pietra, da subito venerata, venne portata all’interno della Basilica di San Dionigi in Porta Orientale, dove vi rimase per secoli, sino a quando venne trasportata nella sua attuale collocazione in Santa Maria in Paradiso, nel 1783, quando la vecchia San Dionigi fu definitivamente demolita.

Da sempre ogni 13 marzo si tiene la ricorrenza del “tredesin de marz” (13 marzo in milanese), comprensibilmente diventata una data importante per la tradizione meneghina.

Per la ricorrenza viene tolta la borchia della pietra che copre il foro ed esposta una croce che riproduce quella fatta con semplici rami da San Barnaba, insieme alla rappresentazione del santo mente predica.

Foto Andrea Cherchi




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.