"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Portello – Cantiere Torre Aurora: maggio 2020

Aggiornamento della prima settimana di maggio 2020 dal cantiere della Torre Aurora di 18 piani, in fase di realizzazione al Portello in via Silva, proprio di fronte al complesso di CityLife.

Dopo la pausa dovuta all’emergenza da pandemia di Covid19, il cantiere ha ripreso a gran ritmo secondo le nuove norme igieniche imposte dal Governo.

Per le foto ringraziamo: Riccardo Mastrapasqua e Valter Repossi.

 La costruzione della torre, sviluppata da Borio Borio Mangiarotti e Värde, già nel gennaio-febbraio scorso era giunta al tetto, mentre una delle palazzine basse è così a buon punto che è iniziato ul suo spacchettamento.




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


11 thoughts on “Milano | Portello – Cantiere Torre Aurora: maggio 2020

  1. Anonimo

    Le foto delle grate dorate alle finestre ed ai balconi non mi convincono. Viste così, non finite, mi ricordano di più un carcere di massima sicurezza di un paese islamico che un condominio di buon livello a Milano. 🙂
    Speriamo alla fine l’effetto sia diverso….

  2. Anonimo

    Ma le grate/parapetto cosi’ fissate al muro con la pioggia e smog…non faranno delle gran strisciate di dilavamento sul muro bianco??

  3. N

    i copri bassi non sono male – la torre purtroppo risulta davvero massiccia.
    Spero che i vetri scelt siano trasparenti e non di un colore troppo azzurri

  4. Renato Scialpi

    Le aperture tinteggiate in scuro peggiorano un progetto che già di suo non brilla per originalità. Visto dal vero il risvolto più inquietante appare quello dell’altezza dei soffitti che, combinata l’esile trama di finestre, preannuncia appartamenti loculo dove la luce naturale sarà un miraggio, nonostante gli edifici godano di ampi spazi intorno.
    Scelte francamente incomprensibili. Ma tanto è tutto sold out sulla carta, quindi ora che è costruito, chissenefrega. L’importante è investire nei rendering 3D.

  5. _

    Sulle finestre la grata coi bucherellini di sicuro non massimizza il passaggio della luce (per dirla in positivo…).
    Ho idea che sia un altro capitolo della famosa raccolta “Il Senso Pratico degli Architetti”, opera sterminata di decine e decine di volumi. 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.