"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Sella Nuova – SeiMilano: il progetto e i rendering nuovi

Prime gru (5 Raimondi) e prime fondamenta per il cantiere di SeiMilano, il grande complesso di piccolo borgo moderno, sviluppato da Borio Mangiarotti e Värde che sorgerà a Sella Nuova (famosa soprattutto per la fermata della M1 Bisceglie).

Nonostante le difficoltà del periodo, dovute alla pandemia da Covid19, i lavori seguono la tabella di marcia prefissata e pertanto la data di consegna degli immobili è prevista sempre per il 2022.

Su una superficie di oltre 300.000 mq, fra Via dei Calchi Taeggi e Via Bisceglie, il complesso di SeiMilano è un progetto progettato da Mario Cucinella insieme a Michel Desvignes MDP, un’operazione di rigenerazione urbana promossa della joint venture tra l’impresa Borio Mangiarotti spa e il fondo americano Varde Partners.

Il complesso è suddiviso in settori ben distinti.

L’area destinata al terziario, situata a Nord-Est del complesso all’incrocio tra le vie Bisceglie e Calchi Taeggi, è costituita da tre edifici di altezze differenti, di cui due accorpati, per una superficie complessiva di circa 30.000 mq. La disposizione dei tre edifici genera una piazza pubblica dalla quale si dipartono gli assi e i percorsi pedonali di connessione con le residenze più prossime, il parco e con l’area commerciale a Sud.

Ogni singola torre è costituita dall’aggregazione di due volumi collegati da corridoi e ospiterà a piano terra, oltre a hall e reception, spazi food per una superficie complessiva di 1.100 mq, mentre ai piani alti uffici di rappresentanza (uffici dirigenziali, sale consiliari).

La torre più alta, collocata all’estremità dell’angolo Nord-Est della piazza, sarà il landmark di SeiMilano per il forte impatto visivo soprattutto per chi vi accede dalla metropolitana, e a piano terra si caratterizzerà per una hall a doppia altezza con funzione di simbolica porta di accesso alla piazza e al nuovo quartiere. Le altre due torri avranno, invece, altezze digradanti verso Sud per favorire l’illuminazione naturale degli uffici. Ogni torre ospiterà al piano interrato la propria autorimessa, indipendente dal punto di vista tecnico, impiantistico e funzionale.

Le residenze. Il sistema di più di mille residenze, tra libere e convenzionate, è organizzato in due comparti, l’uno lungo l’asse Nord-Sud e l’altro lungo l’asse Est-Ovest. Disallineate su entrambi gli assi, tutte le residenze si caratterizzano per la scomposizione delle fronti al fine di evitare unità abitative eccessivamente compatte e omogenee, tipiche delle periferie, e favorire la permeabilità con il verde del grande parco pubblico.

Gli edifici più alti sono collocati sul fronte che guarda alla città e sono sollevati da terra per ospitare, a pian terreno e al primo piano, play ground coperti, spazi commerciali di vicinato e attività culturali. Le residenze verso il parco, invece, si diradano e si posano a terra generando una sequenza di giardini privati, orti e, all’interno del parco, percorsi benessere e spazi per il gioco e lo sport.

Il polo commerciale di SeiMilano è situato tra il nuovo Boulevard, che corre lungo la direttrice Nord-Sud e la collega alle tre torri del Centro Direzionale, e via Bisceglie, per una superficie complessiva di circa 10.000 mq, in parte situati al piano terra delle residenze e degli edifici del terziario e in parte all’estremità Sud del complesso. L’assetto planivolumetrico della piazza retail a Sud vedrà la presenza di sette edifici di forme diverse, strategicamente posizionati per favorire l’integrazione con i volumi residenziali più prossimi. Gli spazi liberi tra i singoli edifici, oltre a ospitare le “piazze commerciali” e i percorsi di connessione funzionali alla socializzazione e aggregazione, accoglieranno anche le scale di accesso al parcheggio interrato, interamente riservato ad autorimesse e locali di servizio per gli spazi commerciali.

Al centro ci sarà un grande parco urbano di 200.000 mq, con aree verdi attrezzate, il cui disegno è stato affidato allo Studio Internazionale Michel Desvigne – Studio MDP.

Il CAM – acronimo di Centro Aggregativo Multifunzionale – firmato dallo studio romano It’s, in accordo con Michel Desvigne, sarà invece una struttura composta da due parti, una destinata destinata ai servizi sociali del Comune di Milano, l’altra un grande pergolato, per le funzioni collettive all’aperto che si pone tra il boulevard e la via Bisceglie.

Sarà un nodo di connessione con la città, tramite via Bisceglie e il nuovo parco del complesso residenziale.




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


5 thoughts on “Milano | Sella Nuova – SeiMilano: il progetto e i rendering nuovi

  1. No green?

    Tutto molto green….vedremo….Devigne e’ molto bravo…e richiama il paesaggio lombardo di pianura….i palazzi in griglia traballante con poco spazio sono un esercizio grafico….sul Foglio, l’ arch. Cucinella parlava di no green e dell’inutilita’ degli alberi in citta’….un abbaglio?

  2. Anonimo

    Ma in tutti questi nuovi progetti le piste ciclabili ci sono? Perchè dai vari rendering dei nuovi quartieri di Milano che si stanno realizzando o in progettazione non si vedono.

  3. luca

    Bella la prima foto! un ottimo esempio di cantiere moderno con grande attenzione alla Sicurezza sul Lavoro.
    Al di la dei rendering fighi, il diavolo si nasconde nei dettagli. Che poi dettagli non sono.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.