"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | NoLo – Parco Trotter: due campi multisport al posto della vasca

Sono in fase conclusiva i lavori per il recupero funzionale dell’ex piscina all’interno del Parco Trotter in zona Nolo-Turro. Entro settembre il grande spazio di 1.800 metri quadrati sarà di nuovo a disposizione della scuola e dei cittadini.

L’area oggi presenta due nuovi campi sportivi multifunzionali di 25×16 metri ciascuno, che possono essere utilizzati per praticare pallavolo, pallacanestro e calcetto e anche per spettacoli all’aperto. La superficie dei campi è stata colorata con due sfumature d’azzurro per ricordare l’antica funzione di quel luogo, la piscina scolastica della Casa del Sole, inaugurata nel 1925 e dedicata a bambini con la tubercolosi.

“Poter restituire uno spazio storico così bello e importante alla cittadinanza è motivo d’orgoglio per l’Amministrazione – commenta l’assessore ai Lavori pubblici Marco Granelli –, soprattutto in un contesto come il Parco Trotter che è sempre stato un punto di riferimento per i milanesi. Un progetto che nasce dalla volontà dei cittadini, che abbiamo accolto con grande favore e su cui gli uffici hanno fatto un lavoro straordinario. Ringrazio tutti per il risultato e sono certo che la riapertura di questo luogo sarà accolta con grande entusiasmo da tutto il quartiere”.

“Consegniamo alla città un’opera nata dal protagonismo dei cittadini attraverso il Bilancio partecipativo e inserita in un contesto ricco di interventi che riqualificano l’intero quartiere – afferma l’assessore alla Partecipazione Lorenzo Lipparini –. Con i cittadini sapremo animarlo di iniziative sportive e culturali, a beneficio del Parco Trotter e del territorio, attraverso i patti di collaborazione con le tante realtà locali”.

I lavori hanno previsto la pulizia dell’area dalla vegetazione incolta, la rimozione della pavimentazione dal bordo vasca e dai cordoli, la messa in quota di tutti gli elementi, la pulizia delle colonnine e dei pilastri in cemento decorativo, che sono stati anche ricostruiti nelle parti mancanti, la verifica e il rifacimento dell’intonaco e il tracciamento di una nuova linea fognaria.

Sull’ex bordo vasca è stata posata una nuova pavimentazione in porfido, per garantire un miglior accesso al pubblico, mantenendo però una piccola porzione della vecchia pavimentazione sportiva, come ricordo delle attività che qui venivano svolte. Sulla balaustra sono inoltre stati inseriti due accessi con rampe adatti a persone con disabilità.

La proposta di riqualificazione aveva vinto il Bilancio partecipativo del Comune di Milano e i lavori sono stati finanziati per un totale di circa 420mila euro.




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


3 thoughts on “Milano | NoLo – Parco Trotter: due campi multisport al posto della vasca

  1. Anonimo

    Un altro pezzo di parco trotter riqualificato. A me piacerebbe vedere restaurata anche la Mini Italia, potrebbe essere una piccola attrazione turistica e un richiamo per far conoscere questo parco così particolare.

    Spero poi che partano presto anche i lavori all’ingresso del parco, le auto vanno drasticamente rallentate perché attraversare via Giacosa è troppo pericoloso, il rettilineo della via incita i pazzi a scatenarsi, alla faccia di famiglie, anziani e bambini che attraversano.

  2. Anonimo

    sull’ alzaia naviglio grande c’è un rettangolo incolto abbandonato inutilizzato di 1.25 km per 50 mt dove si potrevvero fare parchi piscine campi gioco bimbi e quant’altro e noi ci esaltiamo per un a ex piscina non in uso ridipinta eia eia alala’

    ps tra l’altro ma tutti i benedetti padiglioni expo2015 che sarebbereo stati sicuramente riutilizzati dove sono finiti nella villa di zoagli di sala
    o non si può dire perchè pidiota

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.