"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Bicocca – Cantieri vari in zona: settembre 2020

Nuovo aggiornamento fotografico da due cantieri alla Bicocca, quello di Caltagirone di Viale Piero e Alberto Pirelli angolo via Chiese, e quello più piccolo ma interessante di via Stella Bianca.

Qui di seguito alcune immagini aggiornate (foto duepiedisbagliati) dal cantiere di via Chiese, dove ora si può vedere bene il primo “spacchettamento” di uno degli edifici del complesso residenziale rimasto abbastanza misterioso sinora, della società Caltagirone

Si tratta di due casermoni di 12 piani.

Più interessante il cantiere, seppur piccolo, di via Stella Bianca, dove sta sorgendo un edificio di Social Housing. In origine doveva essere un progetto innovativo, una torre in legno che si sarebbe sviluppata per 47 metri di altezza con 14 piani. Anche qui, lo smontaggio delle impalcature è cominciato e si può osservare il gioco realizzato con la disposizione delle finestre, che lo rendono abbastanza interessante e particolare.

L’edifico appartiene alla società di gestione del risparmio immobiliare  Redo SGR S.p.a ed è stato commissionato dalla stessa. (foto duepiedisbagliati)




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


38 thoughts on “Milano | Bicocca – Cantieri vari in zona: settembre 2020

  1. Adriano

    Mamma mia che schifezza ancora si costruiscono casermoni così nel periodo del green new deal?! Ahahah non so se ridere per le panzane europee o per la merda di casa nostra! Solo un inetto poteva costruire una roba del genere nel 2020 dovrebbero vergognarsi. solo merda sa costruire Caltagirone basta vedere al vulcano a sesto che schifezza di casermoni ha costruito. Sarebbe già da buttare giù, anzi spero lo facciano visto che non ha rispettato le norme per le altezze e le distanze. Così ho sentito…

  2. Anonimo

    Nelle vicinanze del meraviglioso Hangar Bicocca! Bisogna modernizzare e quadruplicare subito la linea ferroviaria Milano Chiasso per rendere Milano ancora più internazionale e togliere ancora una fetta di provincialismo, visto che ne abbiamo bisogno :))

  3. Anonimo

    Mamma mia, Caltagirone andrebbe arrestato solo per l’oscenità delle sue costruzioni. E’ un pugno in un occhio quel casermone in quella zona! Ma chi cavolo gli ha dato il permesso di costruire?!

  4. Paolo

    Che schifo! Vergogna alla politica locale che da i permessi per questi casermoni sovietici nel 2020 ……..mi immagino già chi andrà a vivere in queste nuove favelas

  5. Anonimo

    Quelli a City Life di Libeskind invece cosa sono? Quelli vanno bene o fanno schifo uguale? non sia mai, mi raccomando criticare l’archistar internazionale…”mi immagino già’ chi andrà’ a vivere in queste nuove favelas”( da ricchi, pero)

        1. Anonimo

          Infatti non volevo far ridere nessuno ma rispondere per le rime a un cretino che si permette di dare del poveraccio a chi acquista una casa in quel condominio, bello o brutto che sia.
          Tra l’altro non credo proprio che te li tirino dietro quegli appartamenti, visti i prezzi in bicocca.

          1. Anonimo

            Ma và ?!?

            Un genio come te avrà studiato sicuramente studiato alla Bocconi ma quel giorno che spiegavano le legge della domanda e dell’offerta eri assente?

          2. Anonimo

            Forse @Anonimo delle 17:05 intendeva che magari in Brera o in CorsoVenezia i prezzi sono più alti che in Bicocca.
            Probabilmente è un esperto agente immobiliare.

  6. Diego

    Vedendo questi casermoni, quelli a Sesto S.G. sembrano quasi belli. Sognavo una casa in quella zona…ecco, ora non la sogno più.
    Si spera che i prezzi saranno più bassi delle altre proposte in zona (ad es.: Suzzani), ma se poi devi vivere in un palazzo così…

    Ma se fosse vero che non sono stati rispettati i vincoli di volumetria, perché non hanno fermato i cantieri?

  7. Joe Bidet

    Ditemi che siamo a Miami, e che quella all’ultimo piano è un piscina.

    Fanno anche il lago e la spiaggia? lo spazio ci sarebbe…

    Cmq la cosa più assurda è che ancora non sia stato commercializzato.

  8. enrico

    Ecco perché è rimasto sempre “misterioso” senza che fosse rilasciata un’immagine del progetto che fosse una… che orrore.

  9. N

    cmq ragazzi
    se vi sentiti tirati in causa perchè in fondo in fondo pensate che a voi quelle forme “ardite” piacciono e quei colori…. why not? meglio del grigio no?

    INVECE NO!
    l’architettura non è forme e colori: è contesto, sono i materiali, sono gli equilibri.
    A parte che combinare l’azzurro al giallo – nemmeno nella stanza di vostro foglio di 2 anni. puoi fare tutte le forme più a cazzo di cane che preferisci ma se i materiali sono una merda, se i dettagli sono una merda, se gli equilibri tra vuoti e pieni sono una merda, se di fatto anche le linee sono una merda allora: “ding ding ding” – INDOVINATO hai fatto una merda.

    E qui c’è da incazzarsi perchè l’architettura pur essendo un aspetto privato svolge una funzione pubblica, modella la città e la trasforma, rendendola di fatto un bene (o un male) collettivo – questa merda mi disturberà la vista per tutta la vita e per tutta la vita (spero di no) quando andrò a vedere L’HANGAR BICOCCA dovrò voltare le sguardo per NON VEDERE, per non stare male, per non incazzarmi. Perchè nel 2020 a Milano in una zona importante come la Bicocca non si può e non si dovebbe dare la possibilità di commettere un tale scempio urbano.

  10. bravotipo

    ma come cazzo si fa?
    chi è il proprietario e committente di questa merda?

    la casa per edilizia agevolata in confronto pare gropius.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.