"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Vetra – Il degrado a San Lorenzo: oramai non c’è speranza

Comune, Sovrintendenza e Curia pare proprio non si interessino poi tanto di questa millenaria basilica Cristiana. Il degrado in piazza della Vetra e San Lorenzo impera da anni ed è sempre peggio come si vede dalle foto di seguito.

Da luglio scorso, l’ultima volta che avevamo mostrato il degrado in piazza della Vetra e attorno alle Colonne Romane, ad oggi, nessuno pare abbia preso provvedimenti.

Non è tanto una questione di religione, ma è soprattutto di patrimonio Storico e Culturale, oramai alla deriva.

Non ce n’è, la Basilica di San Lorenzo andrebbe cintata.




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


12 thoughts on “Milano | Vetra – Il degrado a San Lorenzo: oramai non c’è speranza

  1. Anonimo

    Capisco il dovere di cronaca, ma alcune foto non andavano pubblicate o almeno pixelate.
    Così è da sciacalli. Scusate il commento duro, ma ci sono dei limiti.

    1. Roberto Arsuffi Posta autore

      Ha perfettamente ragione, ma siccome abbiamo più volte segnalato la stessa immagine senza che questa abbia suscitato alcuna reazione, forse sbattere la realtà in copertina è l’unica maniera.

      1. Anonimo

        Capisco la frustrazione (che condivido al 100%) ma forse bastava un titolo ancora più forte, senza dare la soddisfazione di tale visibilità sul web al solito idiota con la bomboletta.

  2. WKZ

    Dovevano scrivere anche Preti pedofili oltre alle solite bestemmie, tutte le religioni devono scomparire creano solo danni specialmente quando si mischiano con la politica, per Fortuna i giovani perdono interesse per la religione.

  3. Anonimo

    La speranza c’è e ha un nome molto semplice (e anche molto economico…): CAN-CEL-LA-TA.

    Antiestetica? Saran belli i graffiti……………………..

  4. Anonimo

    Il parco andrebbe recintato e sorvegliato h24 da telecamere e personale di sicurezza (anziché pagare “a vuoto” i redditti di cittadinanza, forse sarebbe meglio assumere qualche vigilantes in più per tutelare i nostri luoghi pubblici).

    1. Sergio

      Ah sì, quindi i vigilantes servono a qualcosa? Andiamo cucciolo, i vigilantes nella maggior parte dei casi sono incapaci che si credono supereroi, che passano la maggior parte del tempo della giornata lavorativa attaccati al loro smartphone a cazzeggiare o a guardarsi le foto instagram di Diletta Leotta.
      Un esempio della loro incapacità? Lo stupro di piazza Gae Aulenti.
      Dov’erano i vigilantes? Come diavolo hanno fatto a non accorgersene?
      Superano il ridicolo, salvo poi far la voce grossa con il bambino che va in monopattino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.