"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Portello – Cantiere Pharo: fine novembre 2020

Un aggiornamento dal cantiere per il palazzo per uffici Pharo di 14 piani in costruzione al Portello, nell’isolato compreso dalle vie Gattamelata, Teodorico, Traiano e piazzale Türr, di proprietà di Kryalos SGR S.p.a in nome e per conto del Fondo Pharo e progettato da Park Associati.

Il Pharo sarà il fulcro del nuovo Alpha District, una area del Portello che si appresta a diventare una delle zone del Fuorisalone. Alpha District è un progetto di marketing territoriale ideato da FORO Studio che nasce dalla volontà di riscattare una zona urbana multisfaccettata, quella di Portello. Una delle aree più interessanti della Milano del futuro, un tempo sede dello stabilimento Alfa Romeo, recentemente trasformata e ricca di architettura d’autore.

L’immobile è localizzato a Milano nell’area prossima a Citylife e al Portello ed è di proprietà del Fondo Pharo, gestito da Kryalos SGR. Di estrema raggiungibilità tramite la linea metropolitana (Portello M5) ed in posizione strategica rispetto alle vie di accesso da e verso il centro città, occupa l’intero isolato ricompreso tra via Gattamelata, viale Teodorico, via Traiano e piazzale Turr.

Il progetto, prevede la realizzazione di un nuovo complesso direzionale articolato in più volumi, con geometrie volutamente sfalsate e un elemento che raggiunge un’altezza di 66,70 metri, visibile da vari punti della città. La parte più elevata dell’edificio si presenta, infatti, come una sorta di involucro di luce, un faro luminescente che si fa ben notare sia di giorno che di notte lasciando un segno incisivo nello skyline di una delle zone più vitali di Milano. 

Il complesso immobiliare è articolato in tre corpi di fabbrica tra di essi collegati che si svilupperanno su 8, 11 e 14 piani, per una superficie totale di circa 33.000 mq. In particolare, verranno realizzate due reception indipendenti per circa 340 mq, 23.000 mq di uffici, 1.360 mq di terrazzi, 7.700 mq di parcheggi e 470 mq di aree esterne. Il progetto prevede anche la possibilità di collocare a piano terra un auditorium da 90 posti e uno sky bar con vista panoramica, entrambi con accesso dedicato. 

Il sistema degli accessi, pur privilegiando come ingresso principale quello di via Gattamelata, attraverso un raffinato gioco planimetrico dell’edificio mette in risalto la definizione di una nuova piazza di accoglienza, che funge da collegamento oltre che con la piazzale Turr anche con la via Teodorico attraverso una hall passante, baricentrica rispetto a tutta la composizione dell’edificio a connotare il carattere di alta permeabilità del sito. 

Rispettando i più avanzati criteri dell’eco-compatibilità e dell’efficienza energetica, sarà la risposta ideale alla crescente domanda di nuovi uffici in grado di coniugare qualità, sostenibilità e design. 

Nello scorso fine settimana c’è stata una piccola rivoluzione per quanto riguarda le attrezzature delle gru.

Alla prima gru, servita per le demolizioni e la costruzione dell’interrato, è stata rimossa la parte alta e riposizionava sulla cima della nuova gru, posta a circa 50 metri di distanza, mentre sulla vecchia torre è stato posizionato un nuovo traliccio. Entrambe le gru sono modello Potain.

Ditta di costruzione CARRON S.P.A; carpentieri ditta IDEA MAS s.r.l. di Brescia; dita montaggio gru PIANA GRU s.r.l di Brescia; CATTANEO S.R.L di Bergamo. AUTOGRU FORTI SOLLEVAMENTI DI BUSTO ARSIZIO .




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.