"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Barona – Cantieri vie Carlo Bo, Filargo e Santander novembre 2020

Aggiornamento di fine novembre dal cantiere delle vie Carlo Bo, Pietro Filargo e Santander, alla Barona-Moncucco (Metro Romolo).

Ormai concluso l’intervento di riqualificazione per via Carlo Bo, la strada che passa attraverso il campus dell’Istituto Universitario IULM.

Via Carlo Bo è stata resa semi pedonale con doppio filare di aiuole e alberelli da cespuglio (chissà perché non qualche albero alto) e pavimentazione in pietra.

Via Pietro Filargo che porta alla stazione M2 e FS Romolo, è stata riqualificata ma non completata, ne manca un ultimo pezzo proprio alla rotonda dell’incrocio con via Bo e Calindri.

Via Santander che unisce piazza Bilbao con viale Famagosta ed è percorsa nella parte centrale dal canale del Lambro Meridionale (Olona) è quasi completata in questo tratto che lambisce il complesso dello studentato dello IULM, manca il ripristino del passaggio verso piazza Bilbao, interrotto da decenni (così come manca tutta la parte verso viale Famagosta.

Qui è stata creata una nuova pista ciclabile e sistemati marciapiedi e attraversamenti, in maniera perfetta.

Peccato che basti oltrepassare il canale e andare sul lato pari della via per rendersi conto dove, troppo spesso (non sempre però, dobbiamo dirlo), a Milano si facciano migliorie solo dove piovono soldi privati (oneri di urbanizzazione), come si vede dalla foto seguente, proprio di fronte all’incrocio di via Carlo Bo.

Condividi questo articolo su:
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.