"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Porta Ticinese – Vetra: l’ascensore M4, una scatola in mezzo alle scatole

Molti, vedendo i nuovi rendering con le riqualificazioni delle aree occupate dai cantieri M4 sono rimasti entusiasti; sicuramente una buona sistemazione all’insegna del verde, come abbiamo potuto vedere, con alberature piantate ovunque ce ne sia spazio. Peccato che qualcosa abbia disturbato, e non poco, molti che hanno avuto modo di vedere il materiale diffuso dal Comune di Milano. Si tratta della struttura che alloggia gli ascensori piazzata proprio d’intralcio ad una delle più suggestive viste panoramiche di Milano, quella sulle absidi e campanili dell’antichissima Basilica di San Lorenzo.

Probabilmente è il rendering poco aggraziato nell’esecuzione, ma quella cabina piazzata lì così non piace nemmeno a noi. Potrebbe essere quasi simile all’ascensore appena completato alla stazione Quartiere Forlanini (foto di seguito).

Manufatti che originariamente erano stati presentati come più innovativi e dal design più curato, ma, come al solito, a Milano, città che si autodefinisce ‘del design’, si opta per versioni più economiche e meno originali. Rinunciando ad esperienze più coraggiose, come quella della metro di Napoli, o a collocazioni più attente all’insieme dello spazio pubblico.

Qui di seguito altre immagini di com’era stata prevista l’uscita della metropolitana, affiancata anche dal naviglio riaperto; immagine senza alcun dubbio suggestiva, ma che ora ci pare verrà rovinata da questa colonna ascensori alquanto sgraziata.

Forse, basterebbe che l’ascensore venisse spostato di qualche metro, affiancando le rampe delle scale, o spostato sulla sponda opposta di via De Amicis. Certo non l’avremmo realizzato come da rendering. Proprio in mezzo alle scatole.

Questa disattenzione si unisce agli altri problemi strutturali che si trascina dietro il progetto M4 riguardo le connessioni con le altre linee, come in San Babila, dove si passeranno i tornelli per cambiare da M1 a M4 e viceversa, o come per la fermata M2 Sant’Ambrogio, dove avverrà la stessa cosa, con uscita all’aria aperta, per quanto sotto una pensilina. Più eclatante il problema riscontrato con la connessione M3, dove ancora non si è capito che soluzione verrà presa; o meglio, noi speriamo che venga superata l’ultima proposta presentata; ma ad oggi è ancora quella ufficiale, perché per fare l’interscambio tra Sforza Policlinico M4 e Missori M3 bisognerà uscire per strada e camminare per diverse centinaia di metri per poi entrare in un tunnel pedonale che fa inspiegabilmente solo metà del percorso tra le due linee. Di fronte a problemi di questo tipo quello del posizionamento degli ascensori della stazione Vetra potrà sembrare un capriccio. Ma noi siamo capricciosi.

Condividi questo articolo su:
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


19 thoughts on “Milano | Porta Ticinese – Vetra: l’ascensore M4, una scatola in mezzo alle scatole

  1. Paolo

    >… Ma noi siamo capricciosi.
    Ma davvero? … o magari sono un po’ cialtroni quelli che prendono decisioni come quelle qui sopra illustrate? Ma come le pensano, o “con che cosa”?

  2. _

    Apprezzabile e doverosa presa di posizione, grazie.

    Speriamo che la risposta del Comune non sia la solita italiota “abbiamo le mani legate”, “non dipende da noi”, purtroppo è un progetto che abbiamo ereditato” o (la peggiore di tutte) “lci sono dettagli da mettere a punto e ci stiamo lavorando” – che tradotto significa “è così e ce lo teniamo”. 🙂

  3. Anonimo

    Sottoscrivo tutto. È davvero in mezzo alle scatole.
    Ma l’andazzo lo conosciamo. L’unica esigenza è il risparmio, senza cura per l’arredo urbano.

  4. Anonimo

    Se sono riusciti a far dimenticare lo scempio della mancata connessione m3-m4, far passare a stazione di porta romana fs dopo il vespasiano, colata di cemento (probabile) su Farini… sai che je frega di sto scatolotto?

  5. Anonimo

    Se almeno avesse avuto il design interessante che si vedeva nei primi rendering sarebbe stato accettabile; ma se davvero sarà uno scatolotto come quello in viale Forlanini…

    1. Roberto

      Bisogna solo sperare che il rendering venga modificato perché effettivamente così non va bene.
      Può essere che se ne siano già accorti e che quindi stiano lavorando per una altra soluzione ma se leggono anche i vostri commenti e le opinioni raccolte tra i cittadini possono essere ancor più spronati almeno a ripensarci.

  6. Anonimo

    il tutto andava previsto 100 metri prima dal lato opposto del semaforo e davanti i palazzi. lo spazio c’era. cosi’ deturpa l’idea di parco delle basiliche.
    peggio di cosi’ non potevano fare. è un orrore.
    ma nessuno si indigna?!!

  7. Leonparker

    Peppe è in campagna elettorale vedrete che farà……sbrigherà e solleciterà…..ovviamente solamente a chiacchiere

  8. MEDIOLANUM CAPUT MUNDI

    Vi prego non rovinate la mia Milano così suvvia un pò di arte, design e arredo urbano speriamo che il comune opti per il rendering di Urbanlife con il naviglio riaperto sennò farò una petizione a nome di noi cittadini

  9. MEDIOLANUM CAPUT MUNDI

    Vi prego non rovinate la mia Milano così suvvia un pò di arte, design e arredo urbano speriamo che il comune opti per il rendering di Urbanlife con il naviglio riaperto sennò farò una petizione a nome di noi cittadini

  10. Anonimo

    Che⚽️⚽️questi commenti tutti uguali.
    Si parla di ascensori e tirate fuori la riapertura dei navigli (tranquilli, non li riapriranno mai) o Il solito insopportabile “basta con le scatole di latta”
    E dai su.

  11. Anonimo

    Non avete capito cosa faranno questi pazzi di questa giunta comunale chiuderanno tutte le vie della statale e dintorni stile progetto San Babila magari mettendoci come ho sentito i tapirulan, , questo viene giustificano per il mancato tunnel di connessione, i lavori verrano aggiudicati alla dita di piazza Sant Agostino e vedremo lo scempio della nostra città, giustificandolo per le bici e per il green io vorrei ricordare che gli incollonamenti formatosi si crea più smog, dove tutto sto green, stanziare fondi per cambiare le caldaia se si vuole veramente abbattere inquinamento, non le ciclabili pericolose

  12. Elius

    Non posso credere che la m4 sia l’unica linea che non ha connessioni dirette con le altre….perché? È il principio di ogni progetto di metro la connessione veloce. Inoltre per le fermate più monumentali in centro un po’ di sforzo creativo per le uscite sarebbe meglio. I turisti visitano le città anche per l’architettura moderna…chi conosceva prima Bilbao? Sperando che il turismo torni

    1. Anonimo

      A Bilbao i turisti comuni ci vanno per vedere il Guggenheim di Gehry, praticamente l’unica cosa guardabile che hanno, mica le uscite della metro. Che poi abbiano anche le stazioni della metro disegnate da Foster (comprese le uscite, che infatti sono soprannominate dai bilbaini “fosteritos”) lo sanno in tre appassionati di architettura sì e no.

  13. Elius

    D’accordissimo. Infatti pensavo al Guggenheim. Le uscite del metrò di Milano dovrebbero essere un piccolo tassello di un un’architettura moderna più presente. I 3 grattacieli della zona fiera già sono un altro bel tassello, ma forse servirebbe anche qualcosa di più.

    1. Marco

      Terribile! In Comune devono avere grossi problemi di progettisti. Sottolineo l’uscita dell’ascensore della M5 in Vigliani (fermata Lotto): un pericolo per il passaggio pedonale nascosto dalla bruttissima uscita. O lo scempio dei nuovi cordoli messi un po’ dappertutto per le famigerate piste ciclabili (fate un giro in piazza Buonarrotti per esempio). O la pista ciclabile lunga 10 m in via Rasori! Sic! E poi vogliamo che i turisti tornino…..

  14. Olindo

    Davvero una roba orribile. Possibile che non ci sia nessuno che impedisca certe brutture? Chissenefrega se c’è uno stile da tenere per tutta la linea blu. Questi ascensori sono uno più brutto dell’altro, si lamentano ovunque, ma qui, nel meraviglioso parco delle Basiliche non si può vedere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.