"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Casoretto/Città Studi – Riqualificazione di Via Ampère: dicembre 2020

Un aggiornamento fotografico di dicembre dal cantiere per la riqualificazione di via Ampère, tra il distretto del Casoretto e Città Studi (la via è molto lunga e attraversa entrambi i distretti).

Come avevamo già detto, vedere via Ampère riqualificata, con le automobili parcheggiate in linea col marciapiede e i fori per gli alberi finalmente realizzati a dovere, mi riempie di gioia e speranza (direte che mi basta poco, ma è così). Una bella strada alberata che torna in regola dopo anni di anarchia e disordine.

Nei giorni scorsi è stato completato il primo tratto che va da via Casoretto sino a via Porpora. In questo tratto mancano ancora le nuove alberature, che arriveranno nelle prossime settimane.

Nel frattempo è partito il secondo lotto che riqualifica il tratto di via Ampère da via Porpora a via Pacini. Abbiamo notato una cosa, noi che siamo precisini, che i cordoli posti ai lati dei fori per le piante non sono uguali alla prima parte e soprattuto quelli nel tratto vicino al nuovo palazzo di Novampère, dove sono stati realizzati con “cordoli” metallici.




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


6 thoughts on “Milano | Casoretto/Città Studi – Riqualificazione di Via Ampère: dicembre 2020

  1. Wf

    Bellissimo.

    Ci vuole poco per rimettere bellezza a Milano.

    Basta rimettere le automobili al loro posto.
    E togliere un po’ fuori dalle palle.

  2. giorgio

    Buongiorno,

    scusate ma io non colgo veramente la differenza con il prima…
    Cosa impedisce alle macchine di parcheggiarsi a spina di pesce tornando ad occupare il marciapiede?
    Il solo senso civico?
    Magari mi sfugge qualcosa ma anche passandoci a piedi non capisco.

  3. Anonimo

    Hai perfettamente ragione….

    …per quanto riguarda la cura degli spazi pubblici, a Milano diventa motivo di giubilo anche ciò che altrove (in Europa, ma anche in molti luoghi in Italia) è ordinaria amministrazione.

  4. Anonimo

    Sarebbe stato ancora meglio se avessero messo le mattonelle al posto del catrame e magari i dissuasori bassi come si fa ovunque in Europa (a proposito di Europa).

    Per ora gli automobilisti sembrano disciplinati, ma tra un albero e l’altro c’è molto spazio e non è da escludere che, esasperati dalla difficoltà di trovare parcheggio regolare in zona, prima o poi ricomincino a parcheggiare a spina di pesce a cavallo del cordolo.

    In un mondo perfetto, poi, ne avrebbero anche approfittato per mettere dei lampioni decenti, come si fa in genere all’estero nelle vie residenziali di pregio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.