"Anche le città hanno una voce" — Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Sesto San Giovanni – 4 studi selezionati per progettare 7 edifici di MilanoSesto

Antonio Citterio Patricia Viel, Barreca & La Varra, Park Associati, Scandurra Studio Architettura. Sono questi i 4 studi di progettazione che Hines, in qualità di investitore e sviluppatore, ha selezionato per progettare 7 degli edifici all’interno del masterplan di MilanoSesto, firmato dallo studio Foster + Partners, che prenderà forma nell’area un tempo occupata dagli stabilimenti delle acciaierie Falck di Sesto San Giovanni.

Nello specifico la progettazione prenderà avvio dal primo lotto privato di sviluppo denominato “Unione Zero”: Antonio Citterio Patricia Viel (ACPV) sarà coinvolto nella progettazione degli spazi direzionali e di un hotel di circa 250 camere, Barreca & La Varra progetterà le residenze in edilizia convenzionata, Park Associati curerà lo studentato con circa 700 posti letto, Scandurra Studio Architettura si occuperà delle residenze libere.

L’inizio della prima fase di realizzazione è previsto nella seconda metà del 2021.

L’intervento si colloca all’interno del masterplan di 1,5 milioni di metri quadrati e rappresenterà la porta di accesso alla nuova area urbana. Il lotto “Unione Zero” (con una superficie costruita totale di 250mila mq) gode di una posizione strategica, essendo adiacente alla nuova stazione ferroviaria di Sesto San Giovanni e alla linea metropolitana che collega l’area con il centro di Milano in soli quindici minuti, ed in prossimità anche del nuovo polo sanitario della Regione Lombardia, la Città della Salute e della Ricerca.

“Siamo felici di essere stati selezionati per partecipare al più grande progetto di rigenerazione urbana in Italia, con la realizzazione di un edificio per uffici e di un hotel,” ha affermato Patricia Viel, architetto e co-fondatrice di Antonio Citterio Patricia Viel. “Si tratta di progetti di natura diversa ma che, per la loro posizione strategica nell’area, costruiscono la ‘porta di ingresso’ del masterplan, nella sua primissima fase di sviluppo, delimitando la piazza della nuova Stazione. Questo progetto dimostra l’impegno continuativo di ACPV in opere che pongono al proprio centro socialità e sostenibilità.”

“Per noi si tratta di una ulteriore occasione per declinare un ragionamento progettuale sulla residenza e sulle nuove domande abitative che stanno confusamente emergendo e che, messe a sistema, produrranno un nuovo paesaggio domestico che caratterizzerà, a nostro avviso, i prossimi anni e la Milano del XXI secolo. L’abitazione del futuro sarà un dispositivo flessibile, mutevole, il cui rapporto con l’esterno sarà caratterizzato da un confine complesso e sfumato tra spazio privato e spazio pubblico” hanno dichiarato Gianandrea Barreca e Giovanni La Varra.

“Siamo molto soddisfatti dell’esito di questa selezione,” ha affermato Mario Abbadessa, Senior Managing Director & Country Head di Hines Italy, “che ha visto la partecipazione di alcuni tra i più importanti studi di architettura italiani ed internazionali. La scelta di quattro eccellenze italiane dell’architettura è un segnale importante per il nostro Paese. Sono convinto che, seppure ogni studio presenti stili e specificità proprie, la loro integrazione darà il via ad un progetto sinergico ed in linea con lo schema progettuale di Foster + Partners. La sfida sarà quella di innovare e proiettare l’area nel futuro, attraverso una proposta moderna e contemporanea, preservando la memoria di un luogo industriale di grande storia e valorizzandolo in chiave di sostenibilità ed integrazione con il territorio.”

Qui il link al precedente articolo

Sesto San Giovanni, Area Falck, Antonio Citterio Patricia Viel,


Urbanfile utilizza mappe basate su dati ©️ OpenStreetMap contributors

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Curatore dal 2013 del blog in questione.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.