"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Centrale – Riecco il nuovo VP22, col boschetto nel cortile

Il nuovo Complesso direzionale “VP22” rimasto in sospeso per più di due anni (venne presentato nel 2019), finalmente pare avere una nuova svolta: in queste ultime settimane il cantiere è stato riattivato. Ci troviamo in Via Vittor Pisani 22 nel distretto della Centrale, che prevede la realizzazione di un complesso a destinazione direzionale dopo la demolizione dell’edificio esistente e la sua ricostruzione secondo criteri di ecosostenibilità ed efficienza energetica.

Il nuovo VP22 avrà il pregio di possedere un “boschetto” privato all’interno del cortile che si svilupperà anche sulla terrazza dell’ultimo piano. Il progetto architettonico è di Tectoo, promosso da AM Holdings S.p.A.

Il progetto proposto in Via Vittor Pisani 22, a brevissima distanza dalla Stazione Centrale di Milano e nell’omonimo distretto, si colloca in un contesto caratterizzato da forti elementi urbanistici e architettonici. Questi elementi giocano un ruolo fondamentale nel guidare le linee del progetto.

Il complesso direzionale sorgerà su un’area occupata da un ex palazzo per uffici degli anni Sessanta, demolito ormai da due anni. È caratterizzato dalla presenza di un volume aggiuntivo sopra il grande terrazzo al livello 8, dove saranno ubicati gli uffici più rappresentativi, completamente trasparente con vista a 360° sullo skyline di Milano.

VP22, The Hidden Woods” (il bosco nascosto) sarà un piccolo polmone verde, la cui atmosfera ricca di varietà di alberi e arbusti è scelta con cura per rendere tangibile e apprezzabile da ogni scrivania il breve ciclo della giornata e il lungo alternarsi delle stagioni.

Il boschetto, cuore del progetto, è un luogo per distrarsi, per ritrovare se stessi e un’occasione per entrare in contatto con la natura. Insieme al patio al livello -1 e al giardino pensile panoramico sulla sommità dell’edificio, il bosco gioca un ruolo fondamentale nella qualità di questo progetto.

L’edificio a base quadrata esalta l’efficienza dei volumi, liberando spazio per la natura, collegata internamente dalle aree verdi ad ogni piano.

Il cubo in alto completa la composizione, oggetto di assoluto pregio architettonico non solo per la definizione tecnica della facciata, ma anche per la qualità degli spazi generati.

Il progetto si inserisce armoniosamente nelle proporzioni della struttura urbana di Via Vittor Pisani, integrandosi con gli edifici adiacenti. L’esclusiva facciata in ceramica conferisce all’edificio un’identità che lo rende un’icona riconoscibile nel nuovo scenario della città. La cubatura alla sommità renderà inoltre l’edificio identificabile nel nuovo skyline milanese.

Si tratta di un edificio progettato per rendere l’esperienza di lavoro più leggera e facile. Piani d’ufficio altamente efficienti ed estremamente flessibili sono valorizzati da spazi che rispondono alle esigenze del nuovo concetto di smart working, ponendo il benessere della persona al centro della vita lavorativa.

Gli elementi ceramici della facciata sono progettati secondo l’orientamento dell’edificio e rivestiti con uno speciale rivestimento invisibile a base d’acqua di biossido di titanio che conferisce proprietà autopulenti e antibatteriche. Gas pericolosi come azoto e ossidi di zolfo si trasformano in sali inerti, purificando l’aria dalla maggior parte degli inquinanti. Grazie a questa proprietà si può quindi parlare di “boschi nascosti” che rendono più salubre l’aria dell’ambiente circostante.

Gli spazi ufficio sono stati progettati per garantire elevati livelli di flessibilità rispondendo alle diverse esigenze aziendali. Il layout dell’open space è facilmente personalizzabile grazie ai pavimenti flottanti magnetici e al bandraster nei soffitti, fonoassorbente e fonoisolante, facilmente ispezionabile. Oltre alle prestazioni acustiche, viene assicurata anche un’elevata qualità dell’aria non solo da un impianto di climatizzazione altamente efficiente installato, ma anche grazie alla verniciatura ad acqua di base utilizzata sulle pareti del nucleo, in grado di assorbire e neutralizzare fino al 70% dei VOC particelle (composti organici volatili responsabili dell’inquinamento interno).

Qui di seguito il cantiere in questi giorni di novembre 2021.

L’edificio presente sino alla fine del 2018 in Via Vittor Pisani 22.

Immagini: Duepiedisbagliati, Tectoo

Centrale, Stazione Centrale, Via Vittor Pisani, VP22, Tectoo,

Condividi questo articolo su:
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Con l’affermarsi dei Social Network, che richiedono sempre una maggiore velocità di aggiornamento, Urbanfile è stato affiancato da un blog che giornalmente segue la vita di Milano e di altre città italiane raccontandone pregi, difetti e aggiungendo di tanto in tanto alcuni spunti di proposta e riflessione.


2 thoughts on “Milano | Centrale – Riecco il nuovo VP22, col boschetto nel cortile

  1. Lorenzo

    “Il cubo in alto completa la composizione, oggetto di assoluto pregio architettonico […]”.
    Avrei detti di più il classico rialzo per guadagnare mq….nemmeno troppo bello visivamente.
    Dobbiamo considerare questo articolo un bel radazionale?!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.