"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Santa Giulia – Riqualificazione delle vasche di via Cassinari: novembre 2021

Via Bruno Cassinari (scultore e pittore) è la “promenade” centrale del quartiere di Santa Giulia Sud, prossima a Rogoredo. Si tratta di una via commerciale, pensata per diventare il fulcro del nuovo quartiere che, a distanza di anni, ancora fatica a diventare tale. Per fortuna ultimamente, grazie all’aumento dei locali di ristorazione e intrattenimento, si è ravvivata. Purtroppo l’idea iniziale di vedere i negozi occupati da ogni tipologia di commercio è un po’ naufragata, a causa anche della trasformazione dell’offerta commerciale oramai diffusa un po’ ovunque, dove i negozi che chiudono, purtroppo, son sempre più un po’ ovunque, figuriamoci qui.

In origine la via doveva essere percorsa anche dalla nuova linea tranviaria, che sarà invece spostata, quando completata, nella parallela via Giacomo Manzù.

La promenade è una via pedonale al cui centro si trova una serie di aiuole, alberature e anche alcune vasche d’acqua che riproducono un canale il quale, dalla parte nord, giunge sino alla zona di via Francesco Pizzolpasso.

Finalmente, dopo anni di utilizzo, le vasche (11 in tutto) sono sottoposte ad un intervento idraulico che ne ripristinerà il flusso, garantendone un migliore aspetto. 

Alcune, come si vede, sono già state attivate con i zampilli nuovi.

Immagini: Roberto Arsuffi

Via Bruno Cassinari, Santa Giulia, Rogoredo, via Francesco Pizzolpasso, Fontana, Arredo Urbano, Canale, 

Condividi questo articolo su:
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Con l’affermarsi dei Social Network, che richiedono sempre una maggiore velocità di aggiornamento, Urbanfile è stato affiancato da un blog che giornalmente segue la vita di Milano e di altre città italiane raccontandone pregi, difetti e aggiungendo di tanto in tanto alcuni spunti di proposta e riflessione.


17 thoughts on “Milano | Santa Giulia – Riqualificazione delle vasche di via Cassinari: novembre 2021

    1. Gian Luigi

      Molto prima, credo.
      L’ho visitato l’estate scorsa. I palazzi, visti nell’insieme, cominciano già a dare un’impressione sgradevole, di fatiscenza.

      1. Gian Luigi,

        Gian Luigi, mi piacerebbe visitare il suo quartiere, per ammirare la sua modernità.
        A parte city Life, non risulta realizzazione di altri quartieri negli ultimi 30/ 40 anni.
        La solita Critica…..
        Questa si che è. Fatiscente

        1. Luca Andrea Di Rizzo

          Io abito in via Bruno Cassinari e sono dispiaciuto di non essere il proprietario.

          Santa Giulia è bellissima rispetto alle schifezze di case nelle altre zone ….. che sono palazzi vecchi senza box… a prezzi identici scaldati a carbone.

          Amo Santa Giulia e andrà sempre a migliorare… tutti quelli che criticano sono oggettivamente delle persone inqualificabili… evidentemente abiteranno nelle altre zone… che sono da buttare per terra e rifare da capo

      2. Anonimo

        Gian Luigi se considera quelli palazzi fatiscenti, tra l’altro costruiti poco più di 10 anni fa, deduco lei abiti di fronte piazza Duomo. La volpe quandi non arriva all’uva dice che è acerba..!

    2. Anonimo

      Concordo! Quartiere costruito con materiale di pessima qualità, vedere i palazzi blu affacciati sul parco, i balconi in legno di via cascella e i numerosi aloni di umido sui muri perimetrali (isolamento termico pessimo)
      Aggiungici un parco che dopo 10 anni ha gli alberi alti come nani da giardino, drogati rom e rave party…. ah dimenticavo il quartiere fantasma di via medici del vascello… non ci manca nulla

  1. Anonimo

    La qualità architettonica in città è migliorata tantissimo negli ultimi vent’anni, ma Santa Giulia purtroppo è l’esempio di un quartiere nato male e finito peggio.

  2. PAOLO

    Abitando in una delle traverse, via Cascella posso solo confermare la qualità estremamente scadente degli edifici ( il cortile interno non impermeabilizzato).
    Il lavoro delle vasche iniziato a maggio, è ben lungi dall’essere terminato.
    Posso solo essere contento di essere un un’inquilino e non un proprietario.

    1. F.U.

      Beh poco… un Bilocale 1100- 1200 euro è tanto, ma si risparmia tra riscaldamento, acqua calda che sono condominiali e poi è sempre incluso il box che in una zona stazione con treno ad alta velocità e metropolitana è oro… forse lo scambi con un quartiere pugliese

      1. Wf

        I prezzi di vendita mi ricordo che erano momto bassi…

        Forse ai tempi dello scandalo dell’inquinamento e del blocco del quartiere intero.

        Cmq erano bassi per Milano.

        Forse alti confrontati a S.Donato…

        Io cmq non lo boccio totalmente.

        So che è un paese a parte rispetto a Milano.

  3. Alberto

    Qualcuno potrebbe spiegare argomentando la valanga di critiche che ogni volta leggo su questo quartiere (a parte la scarsa manutenzione)? A me pare il più sensato e piacevole di tutte le nuove realizzazioni, in particolare rispetto a Cascina Merlata, che sembra un insieme di edifici in una landa desolata di spazi enormi non collegati alla città. Santa Giulia invece ha un impianto che da un senso di urbano e continuità, oltre ad essere vicino alla metro.

  4. Dario

    Alberto hai ragione Santa Giulia è un quartiere già bello adesso (anche se da finire) è di alto livello rispetto le zone limitrofe, che sono impressionanti dalla bruttezza sia a livello architettonico che funzionale. A Santa g. c’è il teleriscaldamento e il box collegato con l’ascensore… gli appartenenti dentro bellissimi. Purtroppo questo quartiere fa sfigurare gli altri e credo sia il motivo che scateni le critiche che fanno le persone che non ci abitano ( per quelli che ci abitano e si lamentano mi chiedo che ci stanno a fare?perché non se ne vanno via? ). A dei miei amici benestanti piace , invece ad altri con pochi soldi no…. (praticamente quelli che non se lo possono permettere). Questo credo si spieghi da solo.

    1. Anonimo

      Le rispondo brevemente:
      1- di alto livello sicuro visto che si trova in una periferia estrema e malabitata( viale Ungheria dover)
      2- visitate ben 9 case per lavoro, una peggio dell’altra (sottotetti alti 1,70m considerati attici?!? Ma per favore)
      3- niente classe A, tutte declassate a C D E. Spese per bilicare annuo 1.600€ (via Melotti)
      4- parco ancora con alberi alti come nani (non cresceranno mai visto che è sotterrata a pochi metri una guaina in plastica per preservare dall’inquinamento che c’è sotto). Potete verificarlo su internet, Lahori svolti in epoca de cesaris vicesindaco.
      5- vi rendete conto che avete preso una casa a progetto con RINASCENTE D&G NEGOZI RISTORANTI CENTRI COMMERCIALI ECC… e dove sono?!?!? A parte qualche bar frequentato ultimamente da gentaglia( visto le chiamate che riceviamo) non c’è altro!

      Mi pare un quadro abbastanza esaustivo

      1. ...

        Casa dove abito io classe B, parco spettacolare ( alberi e piante davvero belli), zero muffa ovunque, casa sempre perfetta dopo anni. Terrazzo comodissimo, chi se ne frega dei negozi D&G basta un giretto al duomo per vedere queste fighettate non collegate con lo stare bene in casa . Chissà dove abita lei…. io a porta Romana ho visto palazzi orrendi quelli di santa Giulia sono più belli… e nuovi…(quindi farebbe sfigurare anche quei palazzi, viale Ungheria è esclusa dal confronto) è ovvio che dentro non ci sono stato ma da fuori si passa da facciate antiche deprimenti a facciate quasi guardabili, poi magari dallo smog non ci si può neanche affacciare perché il viso diventa nero….. sarei curioso di sapere dove abita lei… sicuramente non in corso Como…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.