"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Porta Venezia – Via Bixio 17 riparte con cambio di società

Il cantiere di via Nino Bixio 17 è ripartito da qualche settimana. Infatti, il progetto le Corti di Bixio di Imprenord, è stato ceduto ad una nuova società, la Carver Real Estate, che lo ha fatto ripartire con un rinnovato progetto e un nuovo nome commerciale: Bixio Porta Venezia.

Il progetto Bixio Porta Venezia, con la riqualificazione dell’edificio esistente e la creazione dei nuovi piani, vuole creare un nuovo concetto di casa di ringhiera, più moderno e funzionale. Le nuove aperture molto più grandi rispetto a quelle storiche e le nuove superfici vetrate permettono la fusione degli ambienti esterni con gli ambienti interni. Infatti, si crea una nuova spazialità più intima, ma al contempo totalmente al centro della città.

La nuova entrata, posta al centro del palazzo, conferisce una nuova proporzione al progetto ora più simmetrico, e l’intento finale è quello di creare un nuovo percorso, una sorta di preambolo di accesso alla nuova corte. Si permette così di lasciare alle proprie spalle il caos cittadino per entrare in una nuova dimensione spaziale più tranquilla e privata. 

Il progetto mantiene i connotati storici dell’immobile, rispetta le caratteristiche simboliche e conserva le linee e le tipologie delle preesistenze delle cortine e dell’isolato. L’obiettivo è di realizzare un’intervento unitario con il contesto.

Qui di seguito la situazione in questi giorni.

Referenze fotografiche: Roberto Arsuffi

Porta Venezia, Porta Monforte, Zona Risorgimento, Via Nino Bixio, Via Kramer, Beretta Associati, Monache Benedettine Adoratrici Perpetue del Santissimo Sacramento, Via Bellotti,

Condividi questo articolo su:
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Con l’affermarsi dei Social Network, che richiedono sempre una maggiore velocità di aggiornamento, Urbanfile è stato affiancato da un blog che giornalmente segue la vita di Milano e di altre città italiane raccontandone pregi, difetti e aggiungendo di tanto in tanto alcuni spunti di proposta e riflessione.


7 thoughts on “Milano | Porta Venezia – Via Bixio 17 riparte con cambio di società

  1. Anonimo

    Sbaglio ma l’edificio è stato totalmente demolito? Per cui non è nemmeno più un semplice rialzo ma una nuova riedificazione? Aberrante

    1. Franky

      Carver real estate è un’agenzia immobiliare che probabilmente seguirà solo la commercializzazione. Visto l’indirizzo anche probabile l’immobile sia tornato indietro al gruppo Minardi…..

  2. Fab

    Ma il senso di costruire un sopralzo di diverso stile in una costruzione abbattuta e ricostruita da zero ?

    Assurdo!

    Gli architetti si sono abituati all brutto stile moderno architettonico milanese, che riportando gli errori anche nelle costruzioni nuove.

    Ancora una volta ripeto che sarebbe bello se la città cercasse di creare uno stile milanese moderno.

    Che non sia il solito alveare che costruiamo ormai da 70 anni che ha devastato la città.

    1. Alberto

      Per la gioia dei sostenitori dei falsi storici, qui siamo andati oltre, con un falso sopralzo annesso per rendere il tutto più credibile 😂

  3. Franky

    Carver real estate è un’agenzia immobiliare che probabilmente seguirà solo la commercializzazione. Visto l’indirizzo anche probabile l’immobile sia tornato indietro al gruppo Minardi…..

  4. Anonimo

    Questi sono fuori di testa, ma che senso ha demolire un’edificio per poi farlo ex novo come se fosse stato fatto un sopralzo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.