"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Cascina Merlata – La nuova stazione FS MIND-Merlata

Prime indiscrezioni riguardanti la nuova stazione in progettazione per servire i due nuovi quartieri sorti sulle ceneri di Expo 2015. Parliamo di Cascina Merlata che si trova a sud della ferrovia e di MIND, posto a nord nel distretto di Roserio. Si tratta della stazione FS di Milano MIND-Merlata, che si troverà a metà strada tra le stazioni di Milano-Certosa e Rho Fiera Milano.

3TI Progetti ha firmato un nuovo contratto con Arexpo per la progettazione di fattibilità tecnica ed economica della nuova stazione “Milano MIND-Merlata” lungo la ferrovia Milano-Domodossola. La nuova stazione sorgerà sotto il cavalcavia pedonale denominato “MIC” – Passerella MIND-Cascina Merlata.
3TI è una società che si occupa di progettazione architettonica, urbanistica, paesaggistica, geologia e sostenibilità.

Dai rendering selezionati per un post su Instagram, come possiamo vedere, il progetto è molto “Green” almeno esternamente. Una struttura metallica che si integra con la passerella già realizzata per Expo 2015 e che collegava il piazzale del Cardo (oggi intitolato V.le Rita Levi-Montalcini) con il parcheggio di Cascina Merlata (ora parco e dove sta sorgendo il centro commerciale del Merlata Bloom).

Queste poche immagini sono comunque relative al rifacimento dello ‘sbarco’ della passerella in area MIND e non rappresentano l’edificio di stazione vero e proprio, con le piattaforme di fermata dei treni, che dovrebbe sorgere a metà della passerella stessa.

La stazione sarà dedicata al solo servizio delle linee S e sarà parte integrante della cosiddetta “circle line” che correrà da San Cristoforo a Rho-Fiera utilizzando l’anello ferroviario, con l’intento di fornire un trasporto urbano frequente anche mediante la costruzione di nuove fermate lungo il percorso, tra cui, appunto, MIND-Cascina Merlata. Qui un articolo in cui ne parliamo.

Di seguito alcune immagini della passerella che scavalca sia la ferrovia che l’autostrada A4 Torino Trieste.

Referenze immagini: Roberto Arsuffi, 3TI Progetti

Cascina Merlata, Mind, Roserio, 3TI Progetti, Expo 2015, Progetto

Condividi questo articolo su:
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Con l’affermarsi dei Social Network, che richiedono sempre una maggiore velocità di aggiornamento, Urbanfile è stato affiancato da un blog che giornalmente segue la vita di Milano e di altre città italiane raccontandone pregi, difetti e aggiungendo di tanto in tanto alcuni spunti di proposta e riflessione.


20 thoughts on “Milano | Cascina Merlata – La nuova stazione FS MIND-Merlata

  1. Anonimo

    Si sa qualche cosa riguardo alla fermata Stephenson anche questa da realizzare proprio tra questa nuova fermata MIND-Merlata e Milano-Certosa ?

  2. Alberto

    Peccato per quei pannelli bianchi forati che nascondono la vista mozzafiato che si avrebbe da quella passerella… capisco il rischio che le persone si buttassero sui binari e sull’autostrada, ma si potevano realizzare reti con maglie più aperte. Un vero peccato

  3. Albe

    Per la vista mozzafiato (opinabile) ci sono altri punti sulla passerella e ci si può risparmiare tranquillamente quelli sui binari.
    Non capisco nei pochi render da dove spuntano le auto, chi ha portato là delle auto?
    Per il resto integra benissimo la passerella, ci butta un sacco di green ed è bello anche il permanere dello specchio d’acqua.

  4. Anonimo

    Speriamo che tra breve iniziano a circolare anche i progetti della fermata Stephenson così si riesce a riconvertire e sviluppare tutta quell’aera abbandonata ma che ha enormi potenzialità di sviluppo

      1. Joe

        Vero, veto. Dovevano fare un sacco di cose. Purtroppo i soldi pubblici finanziano il debito di Roma, Napoli e di almeno 14 regioni su 20

        1. Anonimo

          Ma non sono i soldi che ha ottenuto il Comune in cambio dell’accordo scali ex FS che gli ha reso edificabili gli scali ferroviari di mezza Milano?

          E che hanno contrattato, che FS ci pagava la Stazione di Cascina Merlata e quell’obbrobrio di Romana FS? 🙂

        2. Anonimo

          Ma che retorica vecchia e provinciale hai? Allora cosa vorresti? Milano con le macchine volanti e Napoli che brucia nella miseria più nera? Non mi sembra una buona idea. Che figura ci fa il paese?

        1. Anonimo

          bravo, non fanno le stazioni perchè così non avrebbe senso… Ogni piccolo urbanista avrebbe il suo tracciato da proporre ma qui si deve pensare in grande e realizzare il passante ovest che intercetta pagano con servizio metropolitano (Metro C ?).
          A mio avviso, dopo m4 che farà percepire i suoi limiti ( troppo centrale, connessioni indirette e fermate troppo ravvicinate) bisognerebbe ripensare il modello di sviluppo dei trasporti e concentrarsi sul riutilizzo e parziali nuovi tratti in ampliamento, per creare la circolare metropolitana ed inoltre sdoppiare la M1 (con nuovo tratto verso Milano Sud) e M2 con nuova metro/tram tangenziale con intercambio Rogoredo.. sognando di essere l’assessore all’urbanistica/lavori pubblici avrei le idee chiare !!

        2. Angelo

          E vabbè, questo si sapeva già da progetto. Se preferisci la chiamiamo semi-circle line. Comunque non risponde alla domanda, si fa o non si fa?

      2. Anna

        Oddio, il classico nimby che vuole la “Padania libera”. Svegliaaaa, il paese è più grande della tua provincetta insulsa. Dovremmo puntare a muoverci come europa, non a darci colpe tra connazionali. Che bella questa Italia del 2022, si vede proprio la solidarietà. Ma la ruota gira amico mio.

    1. Anonimo

      Sarebbe utile lì e anche vicino alla Bovisa, così la Circle Line fornirebbe un collegamento diretto tra la sede del Politecnico in Leonardo da Vinci (Lambrate) e quella in Bovisa, oltre a passare per la IULM, la Bocconi, e le sedi universitarie a MIND, una linea per le università.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.