"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Bullona – La Ca’ Longa di via Piero della Francesca 34

Le famose case di ringhiera della Milano operaia di fine Ottocento e inizio Novecento sono ormai quasi una realtà d’altri tempi. Soprattutto trovarne ancora di quelle che conservano l’originario concetto e impianto. Una di queste la troviamo in via Piero della Francesca 34 alla Bullona.

Si tratta della Ca’ Longa (ricordiamo che in milanese la o si legge u e la u ü), un edificio apparentemente anonimo di fine Ottocento sorto quando qui vi erano ancora le cascine, come la Bullona lungo la strada del Borgh di Scigolatt o Ortolan, l’antica strada che da Porta Comacina portava alla Cagnola e da lì dividendosi verso Varese e Gallarate.

Ca’ Longa venne costruita inizialmente come casa di posta con stalle nel cortile per i postini dell’epoca che a cavallo consegnavano lettere e quant’altro. Successivamente sopra le stalle vennero realizzati i piccoli appartamenti per gli operai che cominciavano ad aumentare. Di solito erano monolocali abbastanza ampi con i servizi igienici collocati esternamente e in comune con gli altri inquilini del piano.

L’edificio ancora oggi conserva il suo aspetto di un tempo tanto che gli abitanti ancora formano una bella comunità che si incontra spesso per festeggiamenti e cene in cortile.

Si tratta di una lunga e stretta corte (circa 100 metri di lunghezza per una ventina di larghezza) sui cui lati sorgono le case di abitazione il cui accesso era garantito dai ballatoi a ringhiera tipiche dell’architettura popolare di inizio Novecento.

Il Borgh di Scigolatt, che in dialetto milanese significa borgo dei coltivatori di cipolle, detto anche Borgo degli Ortolani, era un insieme di case sorto oltre Porta Tenaglia e attorno all’antica chiesa della Santissima Trinità della quale oggi si conserva solo l’antica torre medievale, sviluppandosi lungo l’attuale via Luigi Canonica e il suo naturale proseguimento, via Piero della Francesca, che fino alla seconda metà degli anni ’20 (del XX secolo) manteneva il toponimo di via Canonica e giungeva sino all’area della Cascina Bullona e dove si trova la Ca’ Longa.

Oggi la Ca’ Longa è utilizzata spesso come set per fotografie di moda o “location” particolare per scene cinematografiche o per fiction.

Foto: Roberto Arsuffi; Francesca Grignaffini; Facebook Milano Segreta

Bullona, Borgo Ortolani, Via Piero della Francesca, Via Canonica, Ca’ Longa

Condividi questo articolo su:
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Con l’affermarsi dei Social Network, che richiedono sempre una maggiore velocità di aggiornamento, Urbanfile è stato affiancato da un blog che giornalmente segue la vita di Milano e di altre città italiane raccontandone pregi, difetti e aggiungendo di tanto in tanto alcuni spunti di proposta e riflessione.


4 thoughts on “Milano | Bullona – La Ca’ Longa di via Piero della Francesca 34

  1. franz

    Una Meraviglia… Il Sindaco dovrebbe agire e tutelare con un restauro conservativo.
    Io sono cresciuto in una casa di ringhiera in Via Bertolazzi

  2. Luciano

    Per la cronaca, oggi sono stato in Archivio Ornato Fabbriche e la signora Archivista ritiene l’informazione relativa alla “casa di posta” priva di fondamento alla luce dei documenti disponibili – questo al di là del valore del fabbricato naturalmente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.