"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Guastalla – Palazzo di Giustizia, riqualificazione di via San Barnaba: aprile 2022

Aggiornamento di aprile 2022 dal cantiere di via San Barnaba nel distretto della Guastalla. Come si vede dalle foto di seguito, il cantiere è giunto a buon punto e ora il cantiere è concentrato sul lato della Chiesa Santa Maria della Pace e del nuovo Tribunale di Milano Sezione Lavoro, Famiglia, Tutele, che ha rigenerato l’area.

Si tratta di uno spiazzo utilizzato in precedenza come parcheggio dal Tribunale di Giustizia di Corso di Porta Vittoria e rimasto per anni uno dei luoghi più brutti e degradati di Milano. Finalmente avrà la sua rinascita con aiuole, alberature e parcheggio regolamentato.

Purtroppo osservando la parte appena completata, verso via Freguglia, possiamo già notare la solita mancanza dei progettisti di osservare il territorio e così possiamo vedere già i segni dei sentieri spontanei creati dal continuo passaggio dei pedoni. Pensarlo meglio prima? Vedremo a lavoro ultimato.

Qui di seguito la seconda parte dell’intervento, verso la chiesa e via Luciano Manara ancora da completare.

Referenze fotografiche: Roberto Arsuffi

Guastalla, Porta Vittoria, Tribunale, Via San Barnaba, Arredo Urbano,




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Con l’affermarsi dei Social Network, che richiedono sempre una maggiore velocità di aggiornamento, Urbanfile è stato affiancato da un blog che giornalmente segue la vita di Milano e di altre città italiane raccontandone pregi, difetti e aggiungendo di tanto in tanto alcuni spunti di proposta e riflessione.


14 thoughts on “Milano | Guastalla – Palazzo di Giustizia, riqualificazione di via San Barnaba: aprile 2022

  1. Anonimo

    D’altronde ha senso non mettere le strisce proprio sull’angolo e basterebbe mettere un piccola fence così il pedone torna a seguire la strada.

  2. Thomas

    Complimenti per il prato, ma tanto a milano non si usano prati curati in quanto meglio utilizzare tali spazi come discarica alla buona per i materiali da risulta, brulli, con zone sconnesse non irrigate e preda di erbacce

  3. Norrsken

    Se fai poco verde si dice ma perché non si mettono aiuole ecc. Se lo fai “nascono” i sentieri spontanei. Questo dipende ESCLUSIVAMENTE dalla gente che si muove da A a B e basta! Il risultati è un degrado diffuso che ormai è simbolo di questa città che sommato ad una indifferenza mai vista da parte di amministrazione comunale incapace fa rabbia e tristezza.

        1. Anonimo

          No amo, è che dire che questa amministrazione è caratterizzata da “una indifferenza mai vista” fa ridere. Io sono il primo a criticare quando c’è da farlo e di sicuro in questi anni le occasioni ci sono state. Se voi non riuscite a essere oggettivi e sapete solo sparare boiate la colpa non è mia. Baci.

          1. Anonimo

            Invece, dovrebbero .vietare: ai rompicoglioni ! di postare; commenti stupidi …
            come li tuo)

  4. Anonimo

    Semplicemente non aveva senso spostare di qualche metro le strisce e pensare che la gente facesse una curva per andare ad attraversare sulle strisce. C’è ovviamente ben poco traffico lì…

  5. Albe

    Se le persone creano un passaggio per recuperare 5 metri non necessariamente hanno ragione.
    Adesso è un cantiere ed il verde è ancora da posare, a questo punto meglio prevedere una bella siepe comprensivo di cartello di divieto.

    1. Wf

      Non si tratta di avere ragione.

      Si trattta di avere ragionevolezza e senso del pragmatismo.

      E fare i percorsi dove la gente li richiede.

      Il resto è solo rigidità mentale e irrigidimento.

      1. Anonimo

        Bravo Wf, questa volta hai ragione.

        Come dice il proverbio, anche un orologio rotto dice l’ora giusta due volte al giorno 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.