"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Verziere – Per quanto ancora quel cantiere infinito di piazza Fontana?

Riusciremo mai a veder completata e riqualificata piazza Fontana? Una delle più belle piazze di Milano sconquassata durante la seconda Guerra Mondiale e “voluta riparare” in maniera moderna durante la ricostruzione, senza mai venire completata.

Una piazza che cent’anni fa ancora doveva avere un aspetto intimo e delizioso, con al centro la più bella e antica fontana di Milano realizzata su disegno di Giuseppe Piermarini e inaugurata il 15 agosto 1782, dopo ben 13 anni di lavori (non ci si smentisce mai) e completata l’anno successivo con l’aggiunta delle due sirene in marmo. Con le casette antiche (anche il rimasuglio di una torre medievale), il grande Albergo Commercio e la via Alciato che portava allo stupendo portale del Palazzo del Capitano.

Dopo la guerra, mille idee, tanto abbandono a due passi dal Duomo e dall’Arcivescovado che qui affaccia. Poi i difficili anni Sessanta e Settanta con le occupazioni che han portato alla completa demolizione dell’Albergo Commercio e all’episodio della tristemente famosa bomba all’interno della Banca Nazionale dell’Agricoltura del 1969.

Bisognerà aspettare l’arrivo del 2000 quando viene scelto il progetto di Aldo Rossi (Arassociati) per ricostruire la quinta rimasta incompiuta. Un edificio porticato sul lato nord della piazza e un nuovo disegno della piazza stessa con un giardino dei ciliegi da realizzarsi attorno all’antica fontana. Il progetto venne realizzato solo in parte però, col solo completamento, nel 2009, dell’hotel Rosa Grand. Rimaneva l’ala verso piazza Beccaria e il palazzo del Capitano, da destinare al Comune di Milano con la costruzione del palazzo gemello. Solo nel 2013 la demolizione delle catapecchie rimaste all’angolo con piazza Beccaria e l’innalzamento di una gru aveva fatto sperare bene. Nel frattempo partì il restauro del Teatro Gerolamo e del palazzo che affaccia su piazza Beccaria.

Nel 2017/18 l’avvio del cantiere, sviluppato dalla onnipresente Sanitaria Ceschina… con un progetto dell’architetto Marco Martinelli che vedeva completare finalmente questo benedetto luogo di Milano ripescando il progetto del grande architetto.

Cinque anni dopo questo progetto è rimasto a poco più che uno scavo, con le auto dei vigili urbani parcheggiate in piazza invece di trovare posto nei sotterranei del nuovo edificio, come previsto dal piano originario..

Legato a questo progetto c’è anche il Palazzo Bolis, edificio ottocentesco che ospita il bellissimo Teatro Gerolamo. Edificio già sottoposto a restauro tempo fa e ora in manutenzione straordinaria, i cui lavori sono coordinati dall’arch. Marco Amosso per Lombardini22 (progettazione impianti e direzione lavori specialistica: ing. Roberto Cereda sempre per Lombardini22). La proprietà è sempre la stessa, Sanitaria Ceschina.

Referenze immagini: Roberto Arsuffi; Milano Sparita

Verziere, Piazza Fontana, Pasquirolo, Piermarini, Aldo Rossi, Arassociati, Degrado,

Condividi questo articolo su:
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Con l’affermarsi dei Social Network, che richiedono sempre una maggiore velocità di aggiornamento, Urbanfile è stato affiancato da un blog che giornalmente segue la vita di Milano e di altre città italiane raccontandone pregi, difetti e aggiungendo di tanto in tanto alcuni spunti di proposta e riflessione.


11 thoughts on “Milano | Verziere – Per quanto ancora quel cantiere infinito di piazza Fontana?

  1. vaca de legn

    Dalle foto si capisce che il palazzo del capitano non era raso al suolo e si poteva recuperare. ma naturalmente lo hanno abbattuto per fare uffici. Quello che non poterono le bombe..

      1. Albe

        Che poi paradossalmente in questo caso è vero l’opposto, hanno sbancato, creato un giardinetto inutile dove c’erano fabbricati.
        La piazza era raccolta tra edifici e l’hanno totalmente privata di una forma. La fontana era un gioiello al centro mentre adesso è il bordo di uno spiazzo.
        L’idea vera era togliere le macchine ma rimetterci edifici e ricreare un ambiente accogliente.
        Ma ormai chi lo tocca quel praticello inutile (qualcuno potrebbe dire anche di valenza storica per le lapide in memoria…). Aiuterà anche in qualche statistica sul verde in centro.

        1. GArBa

          Il progetto complessivo prevedeva di dare una forma quadrangolare alla piazza (interamente pedonalizzata ad eccezione del capolinea tranviario spostato a ridosso del palazzo della banca dell’agricoltura, come poi effettivamente fu fatto) eliminando l’aiuola informe e piantumando tutto di ciliegi (come scritto nell’articolo). La piantumazione avrebbe seguito una griglia che, nel tempo, andava a ricreare con gli alberi la quinta tra la fontana e il palazzo del Capitano di Giustizia. Ma fintanto che non viene ultimato l’edificio mancante non si potrà mai completare nemmeno la piazza purtroppo…

    1. GArBa

      Ma lei è mai stato a Milano? il palazzo del capitano di giustizia fu restaurato e adibito a sede del comando della polizia locale.

  2. Anonimo

    Dubito che il progetto del 2000 fosse di Aldo Rossi, morto nel 1997.

    E lo dubito maggiormente vedendo il progetto, che nulla ha a che vedere con il suo stile. Quindi i riferimenti mi sa che sono fuorvianti.

    Arassociati, salvo mantenere le due iniziali nel nome, ha completamente abbandonato la strada del fondatore, con progetti totalmente privi di stile e per questo buoni per tutte le stagioni e i committenti.

  3. vaca de legn

    ho scritto una stupidaggine. Non avevo riconosciuto il palazzo. Rimedio dicendo che non si può lasciare una piazza così vicino al duomo da completare da 70 anni

  4. Anonimo

    Ogni volta che ci passo penso che sia un vero peccato sprecare un’area così centrale per farci parcheggiare delle auto. Ok sono auto dei vigili ma a maggior ragione potrebbero dare il buon esempio e trovarsi spazi più adeguati.

    Per fortuna che almeno la vocina piazza Beccaria è stata ben riqualificata e con l’arrivo di M4 tutto Corso Europa appena dietro dovrebbe essere sistemato.

  5. BT

    ma quello spazio strettissimo prevederebbe quella casa con sotto BOX sufficienti per le auto dei vigili? ma cos’è, arriva in giappone?

    cazzemaier, la sanitaria ceschina è una case history inquietante.

    soldi sporchi guadganati con le forniture belliche, faide familiari, il vecchio ceschina che si innamora di una giapponese di passaggio, senza particolare bellezze o talento, la quale, a sua volta, lascia in eredità ad un direttore d’orchestra russo (o forse l’hanno liquidato?).

    ma dove la trovate una storia così?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.