"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Trasporti – Alle fermate ci saranno 20 nuove pensiline “smart”

Da oggi 28 luglio 2022, il trasporto pubblico a Milano diventa sempre più interattivo, intelligente e sostenibile. Entrano in funzione 20 nuove Pensiline Smart alle fermate dei mezzi di Atm con maxi-tablet LiveTouch da 43” a disposizione di cittadini e turisti per un’informazione in tempo reale sul servizio di metro, bus, tram e filobus.

Gli innovativi LiveTouch rappresentano l’ultima generazione dei prodotti di Arredo Urbano IGPDecaux: un nuovo canale di comunicazione diretta ed interattiva tra Atm e i suoi clienti e, più in generale, con la città di Milano.

Le nuove pensiline sono dotate anche di prese USB per la ricarica degli smartphone e si aggiungono alle 120 hi-tech già installate in città e alle 60 con tetti fotovoltaici per illuminare i display informativi.

LiveTouch sono dei veri e propri device interattivi che offrono ai clienti in attesa dei mezzi o anche a chi è solo di passaggio servizi interattivi di pubblica utilità e la possibilità di usufruire di contenuti speciali creati ad hoc, in italiano e in inglese. Sarà infatti possibile accedere ad alcune App esclusive, pensate e progettate con Atm, allo scopo di fornire informazioni utili e in tempo reale, grazie a un tool progettato e sviluppato da IGPDecaux. Navigando è possibile scorrere il canale twitter @atm_informa ed essere aggiornati sulle modifiche al servizio del trasporto pubblico, consultare la mappa delle linee metropolitane e verificarne lo stato, e ricevere notizie e novità sulla community di ATM.

Le nuove pensiline si trovano alle fermate di alcune tra le principali linee tram tra cui 2, 4, 12 e 14, dei bus 54, 71, 61, 325 e filobus 90 e 91.

“Si tratta – spiega il Direttore Generale di IGPDecaux Andrea Rustioni – di un progetto concepito insieme ad Atm e mirato a rafforzare la comunicazione con gli utenti del trasporto pubblico in modo innovativo ed interattivo e che si è concretizzato grazie alla ormai consolidata e profonda collaborazione tra Atm ed IGPDecaux.  La collocazione di Pensiline Smart si inquadra nella più ampia strategia di IGPDecaux mirata a mettere a disposizione della collettività e dei suoi partner il proprio know-how tecnologico per creare progetti di grande valore estetico e funzionale, che possano contribuire a migliorare la fruizione delle città e dei relativi servizi: il tutto reso possibile senza costi per la collettività grazie al finanziamento pubblicitario.  Questo progetto, fortemente caratterizzato da logiche ESG, consolida il ruolo di IGPDecaux come player di riferimento nel panorama Digital Out Of Home in Italia, attraverso un approccio caratterizzato dal costante sviluppo di innovazioni sostenibili al servizio del territorio”.

Referenze immagini: ATM

ATM, Trasporti, Tram, Pensiline, Fermate ATM

Condividi questo articolo su:
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin



Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Con l’affermarsi dei Social Network, che richiedono sempre una maggiore velocità di aggiornamento, Urbanfile è stato affiancato da un blog che giornalmente segue la vita di Milano e di altre città italiane raccontandone pregi, difetti e aggiungendo di tanto in tanto alcuni spunti di proposta e riflessione.


19 thoughts on “Milano | Trasporti – Alle fermate ci saranno 20 nuove pensiline “smart”

  1. Zozzo

    chi è il target di questo “servizio”? quale problema reale riscontrato precedentemente con gli utenti cerca di risolvere?

    perchè chi ha uno smartphone non ne ha bisogno, chi non ha smartphone difficilmente sarà un utente in grado di usarlo (e.g. anziano con poca o nulla dimistichezza con la tecnologia)…

    1. Anonimo

      C’è ben scritto nell’articolo. Il target sarà di sicuro quello dei turisti, spesso mi capita di vederli mentre guardano le mappe che ci sono attualmente alle fermate. In più, penso che sia un servizio utile anche per tutti i cittadini. Lo smartphone lo utilizzo perché non ci sono alternative, ma se alle fermate ci sono totem che mi permettono di vedere la situazione in tempo reale perché no?

      1. Zozzo

        c’è scritto “a disposizione di cittadini e turisti” che è ovvio e una precisazione inutile, avrebbero potuto scrivere “disponibile per chiunque ci passi davanti” ma non risponde alla mia domanda: in base a quali studi, ricerche, indiagini e test si è deciso di montare l’ennesimo schermo che verrà utilizzato al 90% per proporre pubblicità dall’agenzia che lo gestisce?

        Strano che all’estero nelle città con tanto turisimo ste cose le abbiamo provate un decennio fa e poi tolte eh…

      2. Anonimo

        Bastava mettere le planimetrie dei percorsi univocamente orientate col nord verso l’alto: ogni volta che le guardo mi incazzo (Se pure riesco a intravvederle dietro ai graffiti).

    1. Anonimo

      Ma guarda, sono sempre pulite. Ogni volta che qualche idiota ci scrive sopra o rompe il vetro nel giro di pochi giorni sono sostituite e nel caso di segnalazioni sono molto veloci ad intervenire. Non c’è bisogno di lamentarsi sempre.

      1. Anonimo

        Puoi gentilmente lasciare che le persone si lamentino, con tutta la superficialità e il pessimismo del caso, sfogando le loro frustrazioni della vita con un po’ di benaltrismo? Grazie

        1. Anonimo

          Non le ho fatte io le regole della lingua italiana, mi dispiace che la gramatica non sia abbastanza “charming” per te.

  2. Anonimo

    Belle le pensiline intelligenti. Poco intelligente, a mio parere, mettere la seduta in corrispondenza del pannello cartaceo informativo.

    Sono tutte così le pensiline milanesi, se devi controllare un orario lo devi fare praticamente addossandoti alle persone sedute. Mai capito il perché di questo macroscopico errore di progettazione che continuano a portare avanti anche nelle nuove installazioni.

    1. Contemporaneo

      Immagino lo schermo interattivo fornirà anche gli orari ed i prossimi arrivi, e questi schermi non sono in corrispondenza delle sedute, come ben illustrato. Mi sembra un’ottima idea, che sicuramente beneficerà chiunque non vive a Milano, chi non ha dimestichezza con o non vuole tirare fuori il telefono per utilizzare il sito o la app ATM. Inoltre lo schermo grande sarà utile a chi ha problemi di vista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.