"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Bruzzano – Cantiere sottopasso di via Oroboni: settembre 2022

Aggiornamento di settembre dal cantiere per il sottopasso di via Oroboni a Bruzzano. La situazione pare ancora lontana dall’essere conclusa. Intanto è stato scavato il tunnel sotto la ferrovia e sono in corso i lavori per la realizzazione delle pareti laterali.

Ricordiamo che, dal febbraio 2020, il passaggio a livello di via Oroboni è stato chiuso per le auto, per sempre. Infatti, sarà sostituito da un sottopasso ciclopedonale che sarà pronto a fine dicembre 2021. Durante i lavori il passaggio per i pedoni e le biciclette è comunque consentito.

Questo era il secondo passaggio a livello rimasto a Milano. Ora rimane solo quello di San Cristoforo che verrà eliminato quando la Stazione di Porta Genova sarà eliminata.

Referenze fotografiche: Roberto Arsuffi

via Oroboni, Bruzzano, Ferrovie Nord, Viabilità, Via Pesaro




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Con l’affermarsi dei Social Network, che richiedono sempre una maggiore velocità di aggiornamento, Urbanfile è stato affiancato da un blog che giornalmente segue la vita di Milano e di altre città italiane raccontandone pregi, difetti e aggiungendo di tanto in tanto alcuni spunti di proposta e riflessione.


5 thoughts on “Milano | Bruzzano – Cantiere sottopasso di via Oroboni: settembre 2022

  1. max

    calcolando che i lavori per realizzare il nuovo Galeazzi sono partiti nello dtesso periodo, l’ospedale e aperto del sottopasso non si vede la fine. Opera inutile costosa.

  2. Cinzia

    Per chi vive questo quartiere al momento solo gran confusione e nessuna rivalutazione del territorio. Difficoltà a entrare ed uscire dal rione, siamo molto amareggiati, per arrivare o andare alla stazione ferroviaria si attraversa un parco completamente al buio la sera,sicurezza ZERO.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.