"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Loreto – Hidden Garden: irregolarità nel progetto?

C’era da aspettarselo. Un edificio alto 7 piani alto 27 metri costruito al posto di una palazzina demolita di 3 piani alta 12 metri nel cuore di un isolato fatto da case di varie epoche (primo e secondo Novecento), i cui abitanti sin da subito hanno manifestato preoccupazione e proteste per l’impatto che avrebbe avuto una volta ultimato.

Infatti, la Procura venerdì scorso ha ritenendo illecitamente concessa nel 2019 e 2021 da tre dirigenti del Comune (indagati) la licenza edilizia sulla base di una sorta di “trucco del cortile” praticato nel 2017 dalla comunale Commissione Paesaggio, conseguenza per la quale il cantiere è stato posto sotto sequestro in via preventiva d’urgenza, per impedire che venga completato l’immobile di sette piani di via Lippi 33.

Siamo in piazza Aspromonte, al confine tra i distretti di Loreto, Casoretto e Città Studi all’interno del piccolo isolato formato da piazza Aspromonte, Via Filippino Lippi (al 33 si troverà l’ingresso pedonale), via Gran Sasso e via Garofalo. La Bluestone Aspromonte srl inizialmente con il gruppo Percassi, che però è stato sostituito da un’altra società di costruzioni, sta realizzando un nuovo complesso residenziale. Il progetto in questione è Hidden Garden, ovvero giardino nascosto, un complesso residenziale per 45 appartamenti (3.530 mq) che colmerà quasi completamente lo spazio all’interno dell’isolato. 

Come riferisce il Corriere della Sera, l’indagine nasce dalla denuncia di uno degli abitanti delle case che nelle adiacenti via Gran Sasso, via Garofalo e via Lippi lamentano di vedersi togliere luce e aria dal nuovo ingombrante edificio. E ruota intorno alle norme urbanistiche del Piano Regolatore del 2012 e del 2019 che in generale prevedono che, se si costruisce su un cortile abbattendo magari un piccolo precedente manufatto, la nuova costruzione debba essere di altezza uguale o inferiore all’immobile demolito. Cosa che in questo caso non è avvenuta, perché il nuovo edificio è stato considerato non all’interno di un cortile ma indipendente.

In pratica la questione sarà capire se l’edificio precedente fosse ritenuto effettivamente all’interno di un cortile, cosa che ne determinerebbe alcune regole, o se invece fosse da ritenersi indipendente e quindi con regolamentazioni differenti. Insomma, se si sostiene che una certa area non è un cortile, allora il costruttore può edificare in altezza molto più del precedente manufatto demolito.

Perciò staremo a vedere se l’edificio in questione risulterà a norma o meno e di conseguenza vedremo completato il palazzo tra poco tempo o dovremo rimanere anni con un ecomostro in cortile come sta succedendo dal 2007 in Via Achille Maiocchi 13.

Qui di seguito il cantiere in questi giorni di ottobre 2022.

HIDDEN GARDEN (BlueStone) – (Loreto) Via Filippino Lippi, 33 (ingresso pedonale) – Piazza Aspromonte, 13 (passo carraio) Costruzione edificio di 4/7 piani – h: 16,25/27,10 metri per 45 appartamenti. Superficie 3.530 mq.

progettista: arch. Paolo Mazzoleni @ BEMaa – Bruno Egger Mazzoleni Architetti Associati
calcolatore statico: ing. Francesco Iorio @ SIO Engineering
impresa esecutrice: Impresa Edile Mariani srl – Concorezzo, MB

link: Bruno Egger Mazzoleni architetti associati
link: www.hiddengarden.it

Referenze immagini: Bluestone; Duepiedisbagliati

Loreto, Città Studi, Casoretto, Bluestone, Piazza Aspromonte, Via Filippino Lippi, via Gran Sasso e via Garofalo




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Con l’affermarsi dei Social Network, che richiedono sempre una maggiore velocità di aggiornamento, Urbanfile è stato affiancato da un blog che giornalmente segue la vita di Milano e di altre città italiane raccontandone pregi, difetti e aggiungendo di tanto in tanto alcuni spunti di proposta e riflessione.


40 thoughts on “Milano | Loreto – Hidden Garden: irregolarità nel progetto?

  1. Sandro

    Se ci sono irregolarità e qualcuno ha fatto il furbo è giusto che il progetto venga modificato e bloccato !! Se la sono vista brutta anche i costruttori di Torre Milano di 86 metri che con il progetto pronto e tutto in regola hanno visto nascere un comitato incazzato di 250 persone alla Maggiolina che voleva impedire a tutti i costi la costruzione della torre ….. Ci toglie l’aria , ci toglie la luce , è una torre senza senso , è uno schifo di torre per persone ricche !! Adesso i residenti della Maggiolina hanno cambiato idea….. però è un bel palazzo bianco , è imponente questo palazzo , si vede anche dal treno quando si arriva alla stazione centrale di Milano !! Si può salire sul tetto qualche volta ?? Ma certo , basta chiedere all’amministratore del condominio !! Si possono fare anche delle piccole feste e delle riunioni sopra il tetto panoramico della torre perché c’è spazio in abbondanza !! i Milanesi imbruttiti , non tutti , il 60% circa odiano a morte i grattacieli e le torri residenziali dopo quando sono costruite cambiano idea e si vantano !! Speriamo che questa percentuale di persone medievali si abbassi nei prossimi 10/15 anni !! 🙄

    1. Sandro

      Hanno demolito un edificio per costruirci sopra quello nuovo e si parla di un cortile ?? 😂🤣 Non sanno più cosa inventarsi a Milano per bloccare i lavori dei nuovi edifici !! Vediamo cosa succederà in futuro 🤣😂

  2. Paolo

    A prescindere da ogni giudizio sul progetto bisogna rispettare il malessere degli abitanti dei palazzi che si vedono letteralmente abusati in casa propria.

    La commissione locale del paesaggio è una farsa che deve finire per come è strutturata ad oggi cura Solo gli interessi( economici ma anche semplicemente simpatie) locali

    1. Sandro

      Può finire anche che assolvono tutti e continuano con il progetto perché essere indagati non vuol dire essere colpevoli finché un giudice che decide !! il blocco momentaneo è una normale prassi visto che una persona testa di ##### ha denunciato la costruzione perché l’edificio è un grattacielo di 7 piani che toglie luce a mezzo quartiere 🤣 si accettano scommesse …. tutto si risolve in 120 giorni e i lavori ripartono 🤔🙄

    2. Sandro

      Caro Paolo….. palazzi abusati in casa propria ?? 🤣😂 Lo sai che tempo fa’ hanno fatto delle denunce degli esposti anche per la torre Terminal Tower e dopo è stato tutto archiviato !! Lo sai che hanno fatto un esposto/denuncia per le Park Towers in costruzione ?? È una cosa normale a Milano , i Milanesi odiano le torri residenziali e i grattacieli 🙄🤔 dovresti saperlo se sei milanese 🤔 i milanesi vogliono soltanto una cosa……parcheggi e parchi 😂🤣

  3. Anonimo

    Vedremo come finisce. Per ora abbiamo un sequestro preventivo chiesto dal PM e non ancora convalidato dal GIP, campa cavallo che si arriva alla verità finale.

    Secondo me la parte interessante è che indagati penalmente ci son finiti i Dirigenti del Comune, anche se il parere lo ha dato la Commissione Paesaggio (che nasce come organo consultivo e non come il decisore finale)

    1. Sandro

      Sequestro preventivo non ancora ” Convalidato ” ,🤣😂 che razza di sequestro è 😂🤣 anonimo dimmi che stai scherzando 😂

      1. Anonimo

        Solo un Giudice può autorizzare arresti o sequestri. Il PM chiede e il Giudice in questo caso il GIP conferma (o rispedisce al mittente).

        1. Sandro

          Smettetela di copiare le fantasie del corriere che parla di sequestro preventivo …….lo stabile sarà sotto sequestro soltanto quando ci saranno delle condanne definitive !! il sequestro per il momento non esiste , hanno soltanto bloccato i lavori in corso per accertamenti !! Quando un edificio è sotto sequestro ci vogliono anni di tribunale per dissequestrarlo 🙄

  4. Artemio Franchi

    la Commissione Paesaggio espresse il parere che l’area, «benché sia in una parte della città a prevalente tessuto cortilizio, non possa essere considerata un cortile», ma «un residuale spazio interno accidentale rispetto agli edifici che compongono la cortina», e ciò per le «discontinuità edilizie che hanno interessato l’isolato, i fronti ciechi, l’irregolarità geometrica del lotto». Il che, per la Procura, fa invece a pugni con l’evidenza del luogo e qualunque criterio tecnico….. Dal Corriere. Anche alcuni membri della commissione paesaggio sono indagati. Sala, che li ha nominati, cosa dice?

    1. Anonimo

      Sarà interessante vedere come farà la Procura a provarlo in giudizio che quello non è un cortile…

      Convincere un PM è un conto ma poi devi sostenere l’accusa in Tribunale.
      Non dico che abbia ragione l’uno o l’altro, ma solo che sarà interessante vedere come si sviluppa la causa.

      1. Sandro

        Caro Anonimo è tutta colpa di un testa di ##### che ha fatto una denuncia come hanno fatto con Torre Skydrop Famagosta , Torre Milano , Ecc….Ecc….i soliti teste di ##### Milanesi che odiano i grattacieli !! Si bloccano i lavori per indagini e dopo si riparte 🤣😂😂

    2. Lulu

      Comunque la zona si chiama porta venezua-buenos aires (ed era fino a qualche decennio fa piena città studi), per essere precisi.
      Vedi 40 quartieri sul portale del comune di milano

    3. Sandro

      Artemio Franchi lo vuoi capire che essere indagati non è una condanna di colpevolezza ?? È una normale prassi quando viene fatta una denuncia !! Lascialo stare il corriere 🤣

  5. Anonimo

    Stiamo a vedere, ma definire lo spazio che stanno edificando un cortile mi pare francamente improbabile…

    Poi che sia deprecabile elevare di svariati piani una costruzione in un contesto interno così denso, è un’altro discorso – e su questo avrebbe dovuto intervenire la Commissione Paesaggio – proprio per evitare lo scempio del paesaggio a tutti quelli che abitano intorno…

      1. Anonimo

        L’acquirente che ha acquistato un immobile in costruzione con permesso di costruire, ha probabilmente diritto di costituirsi parte Civile e chiedere al Comune di Milano i danni.

        Ammesso e non concesso che ci sia stato un qualche reato o irregolarità, perchè qui siamo veramente alle primissime battute.

          1. V.

            A chi va peggio in questa storia sono gli attuali residenti che han fatto la causa: minimo minimo quello scheletro di palazzone non finito gli resta in mezzo al cortile (o quello che è) per 15 anni…. Sempre che poi non cambi il Regolamento Edilizio e si possa terminarlo lo stesso.

  6. Sandro

    Caro Anonimo Se non capisci quello che ho scritto è perché sei una lurida testa di ##### piena di odio che continua a rompere i marroni …..uomo di ###### senza nome !! potresti farti chiamare Unknown come fai di solito in altri blog !!! impara a mettere un nome Reale …..grande #####

  7. Camillo

    Ma esiste qualche esperto del Comune che va in giro per Milano a controllare i cantieri?

    Io a casa mia quando ci sono i muratori devo stargli dietro o mi ritrovo con disastri.

    Boh mi sembra così lapalissiano

  8. Acquirenti Hidden Garden

    Sono un Promissario Acquirente del progetto Hidden Garden, oggetto di questo articolo. Mi piacerebbe entrare in contatto con gli altri acquirenti, per provare a gestire insieme e in modo coordinato la spiacevole situazione. Se sei un altro acquirente, scriveresti a acquirentihiddengarden@gmail.com per entrare in contatto?

  9. Artemio Franchi

    Dal Corriere…. Autore del progetto è l’architetto Paolo Mazzoleni, 48 anni, docente del Politecnico, dal 2009 al 2015 componente (e dal 2012 anche presidente) proprio della Commissione Paesaggio del Comune, dal 2017 presidente dell’Ordine degli Architetti, da un anno anche assessore all’Urbanistica del Comune di Torino con delega al Piano Regolatore.

  10. Rocs

    In pratica la commissione che ha già approvato il progetto, ora deve ri-approvare il progetto perché c’è stato un cittadino al quale, secondo lui, tale palazzo sembra irregolare… sinceramente, visto che è evidente che ci fosse un problema di vicinanza agli altri palazzi, immagino che la commissione abbia davvero valutato attentamente il progetto e verificato che fosse a norma. Che tristezza

    1. Anonimo

      La cosa bizzarra è che la causa sia finita in prima battuta in Procura e non al TAR.
      Se adesso si fanno denunce penali tutte le volte che c’è un palazzo che si pensa troppo vicino, è la fine.

  11. Andrea

    Non capisco, c’era un edificio di 3 piani e 12 metri e stanno costruendo al suo posto un palazzo grande praticamente il doppio: 7 piani e 27 metri.

    L’articolo dice espressamente che: “se si sostiene che una certa area non è un cortile, allora il costruttore può edificare in altezza molto più del precedente manufatto demolito.”.

    Riassunto pessimo, a leggerlo sembrerebbe che se io acquistassi la capanna dei rifiuti che sta in mezzo ad un cortile potrei costruirci sopra un grattacielo.

    Sbaglio o, al di là della legge regionale riguardo gli edifici abbandonati, il costruttore è sempre, in ogni caso, tenuto a rispettare le volumetrie precedenti? La legge regionale (tra l’altro mai citata nell’articolo) però consente l’aumento di una percentuale ben definita, non il raddoppio delle volumetrie.

    Insomma articolo pessimo, non si capisce niente.

    1. Andrea

      Anzi dice “se NON è un cortile”, stiamo dicendo in pratica che quasi tutti gli edifici di Milano (che solitamente non si trovano in un cortile) possono essere acquistati e ricostruiti “molto più” alti di prima? Ma è vera sta cosa?

      1. Anonimo

        Alcuni degli articoli dicono che il Regolamento edilizio di Milano del 2012 vieta che se si demolisce qualcosa in un cortile (tipo una depandance) questa possa essere ricostruita più alta di prima.

        Se invece non è un cortile, basta che rispetti le distanze minime e le leggi in vigore, quindi se hai spazio immagino puoi salire senza problemi.

        1. Andrea

          Ma credo che nemmeno nel 2012 tu potessi acquistare un palazzo e costruirne uno nuovo delle dimensioni che preferisci, sia che esso si trovasse in un cortile, sia che esso si trovasse in piena campagna.

          1. Anonimo

            No per fare un palazzo devi rispettare la cubatura massima relativa al lotto e le distanze minime. Ma questo non sono contestate dal PM

          2. Andrea

            OK forse ho capito, il costruttore ha mantenuto le cubature riducendo l’area del costrutto e aumentandone l’altezza?

            Quindi il problema sarebbe solo l’altezza perché i volumi sono stati mantenuti dico bene?

        2. _

          In questo caso, spazio e distanze e cubature autorizzabili erano tutte assolutamente secondo la legge.
          Quindi l’unico appiglio era di dire che si trattava di un cortile e non di un lotto all’interno di un isolato.

          A guardare la foto, in tutta onestà sembrerebbe aver ragione la Commissione Paesaggio, ma immagino che i 10 Architetti e Ingegneri della Commissione ed il Perito del Tribunale siano tra di loro molto più in grado di me di arrivare ad una soluzione.

          Però è strano sia finito in Tribunale e non al TAR

          1. Andrea

            Cioè nel 2012 io potevo acquistare un edificio e costruirne uno grande il doppio, basta che non stava in un cortile? Il PGT allora non esisteva? Senza il bisogno di ottenere autorizzazioni speciali?

            Mah, un giorno leggi sul giornale dei politici che litigano per decidere se si può o no costruire un sopralzo o se il nuovo progetto di San Siro può comprendere o no il grattacielo e poi scopri su un blog che i costruttori ricostruiscono tranquillamente gli edifici raddoppiando i volumi.

            Poi ci si lamenta degli ambientalisti o che la gente vota M5S, non si capisce niente, neppure quando i giornali o i politici sembrano voler informare i cittadini. In queste situazioni vedere malafede come per il commento sopra di Artemio Franchi è un attimo.

          2. Anonimo

            Andrea, se i giornali fan casino ci sta…ma almeno tu cerca di essere una persona ragionevole e di capire il punto.

            Dal 2012 i cortili hanno regole più stringenti dei non-cortili, ma non significa automaticamente che prima ci potessi fare i grattacieli. O che basta che non sia il cortile che puoi fare quel che ti pare, suvvia….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.