"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Milano | Porta Monforte – Cantiere M4 Tricolore-Indipendenza: ottobre 2022

Aggiornamento di ottobre 2022 dai cantieri per le stazioni della M4, la linea Blu della nuova metropolitana, nel versante orientale della città. Anche se non sono in consegna, al contrario delle stazioni Dateo, Susa, Argonne, Forlanini FS, Repetti e Linate, le stazioni Tricolore e San Babila dovranno aspettare ancora qualche mese. Nel frattempo sono in corso i lavori per il ripristino delle aree di cantiere di corso Indipendenza e piazza Risorgimento a Porta Monforte.

Ricordiamo anche qui che le stazioni della nuova metropolitana blu prossime all’apertura saranno: Dateo, Susa, Argonne, Forlanini FS, Repetti e Linate (Repetti è il nome scelto al posto dell’iniziale Quartiere Forlanini che M4 ha pensato avrebbe creato confusione con la vicina stazione di Forlanini FS). Questa sarà la prima tappa delle aperture. Invece in primavera entreranno in funzione anche le stazioni di Tricolore e San Babila, col collegamento centro città-aeroporto in 14 minuti. Mentre per il completamento dovremo aspettare il 2024 con la tratta ovest tra San Babila e San Cristoforo. Ventuno in totale le fermate per trasportare 86 milioni di passeggeri l’anno su un flotta di 40 treni (più 7 di scorta). La frequenza negli orari di punta della «blu» sarà di 90 secondi. Con la quarta linea a regime Milano conterà su 118 chilometri di linee e 136 stazioni e diventerà in questo modo la sesta rete underground in Europa per estensione.

In piazza Tricolore e Corso Concordia sono in corso i lavori per la rimozione del cantiere.

Mentre in Corso Indipendenza, dopo la rimozione dei cantieri, si stanno svolgendo lavori per riportare il decoro ai giardini lungo il corso occupati in precedenza dai cantieri.

Referenze immagini: Roberto Arsuffi

Acquabella, M4, Susa, Argonne, Corso Indipendenza, Piazza Risorgimento, Stazione, Arredo Urbano, Riqualificazione, Viabilità, Viale Argonne, Piazzale Susa,




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Milanese doc. Appassionato di architettura, urbanistica e arte. Nel 2008, insieme ad altri appassionati di architettura e temi urbani, fonda Urbanfile una sorta di archivio architettonico basato sul contributo del web e che in pochissimo tempo ha saputo ritagliarsi un certo interesse tra i media e le istituzioni. Con l’affermarsi dei Social Network, che richiedono sempre una maggiore velocità di aggiornamento, Urbanfile è stato affiancato da un blog che giornalmente segue la vita di Milano e di altre città italiane raccontandone pregi, difetti e aggiungendo di tanto in tanto alcuni spunti di proposta e riflessione.


4 thoughts on “Milano | Porta Monforte – Cantiere M4 Tricolore-Indipendenza: ottobre 2022

  1. Andy

    Speranza vana sarà che oltre alla immancabile pista ciclabile – massima e unica espressione della strategia che la sinistra ha sulla mobilità – vengano costruiti decine e decine di posti auto, che andrebbero venduti ai residenti per cifre accettabili.

    1. Anonimo

      Certo! D’altronde si sa che per agevolare la mobilità sostenibile quando si costruisce una metropolitana non si devono creare percorsi ciclabili e aree verdi e pedonali ma si devono creare garage 😉 dai, Andy, crea una macchina del tempo e torna del 1965, mi sa che sei rimasto lì.

    2. Anonimo

      Piccola considerazione: una pista ciclabile è un’infrastruttura che ha costi più che trascurabili rispetto a altre infrastrutture tipo strade o ferrovie, ha del tutto senso che sia costruita con soldi pubblici.

      I parcheggi servono per stoccare beni privati, non capisco perché un’amministrazione debba impegnarsi a costruirlo. Costruirli in centro, dove stanno aprendo una nuova e smagliante linea di metro mi sembra poi assolutamente demenziale. Vuoi la macchina e vuoi parcheggiare facile? Come ti paghi la benzina ti paghi anche un box. Non hai soldi? Usi la suddetta linea di metropolitana.

  2. Paola

    Io spero ancora che facciano un parco giochi decente per i nostri bambini e che le panchine siano liberate dei senzatetto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.