"Anche le città hanno una voce" | Segnalazioni, bellezze, architettura, storia e altre curiosità urbane.

Torino | Villaretto – ToDream: un polo multifunzionale nell’area ex Michelin di C.so Romania

E’ stato approvato agli inizi di ottobre il PEC (Piano Esecutivo Convenzionato) che darà nuova vita all’area abbandonata da tempo su cui sorgevano gli ex fabbricati di Michelin SpA e SNIA, un’area di circa 270.000 m2 situata a nord di Torino su C.so Romania, vicina all’imbocco dell’autostrada per Milano, il che la rende molto più appetibile dal punto di vista commerciale, data la vicinanza con gli aeroporti di Malpensa e Torino Caselle e del capoluogo lombardo.

Il progetto prevede la realizzazione di un vero e proprio Urban District, su una superficie costruita complessiva di 85.000 m2, che unirà nello stesso luogo le principali attività della collettività: saranno presenti negozi e shopping mall, ristoranti (se ne prevedono 25), sale cinema, attività ludico-ricreative (pista kart elettrici, ad esempio), palestre, percorsi ciclabili e pedonali, un’arena per spettacoli pubblici e, addirittura, un Hotel a 4 stelle, il tutto incorniciato da un parco verde pubblico di circa 45.000 m2 con diverse aree attrezzate per attività sportive: insomma, una mini-città nella Città.

Grazie a questi numeri, ToDream vanterà il record di polo multifunzionale più grande del nord Italia e, per non troncare completamente col passato, ospiterà anche una nuova sede direzionale di Michelin SpA. Il PEC, approvato dalla Giunta Comunale, prevede anche che l’operazione si faccia carico di ingenti opere di urbanizzazione, il cui risultato sarà la completa riqualificazione dell’intera area urbana circostante.

La progettazione di un tale intervento è stata affidata allo Studio di Architettura Lombardini 22 insieme al locale Studio Rolla che, oltre ad un’omogenea e studiata distribuzione delle varie aree a diversa destinazione d’uso, hanno previsto una serie di tecnologie che renderanno il complesso all’avanguardia dal punto di vista eco-sostenibile: dalla produzione di 1 MW grazie all’impiego di impianti fotovoltaici, al riciclo dell’acqua piovana e di scarico, dall’uso quasi esclusivo di materiali rinnovabili all’utilizzo delle meno impattanti energie rinnovabili esistenti sul mercato, ToDream avrà tutti i requisiti per essere un progetto total green, in grado di ottenere le principali certificazioni di tipo ESG (Environmental, Social, Governance) e del livello Very Good del Certificato Breeam.

Per quanto riguarda la parte più urbanistica ed architettonica, il progetto è stato concepito per consentire all’utente una full day experience: trovare, nello stesso posto, aree per shopping, cibo, divertimento, intrattenimento, relax, sport, cultura, tempo libero. Il centro del complesso è la food-court: una piazza all’aperto, ma in parte coperta da velarium (moderno ma che ricorda proprio le coperture dei teatri romani).

La food-court è studiata per collegarsi, da una parte, all’area commerciale – una piazza costruita attorno ad una torre piezometrica esistente che confluisce in una passeggiata commerciale divisa su due livelli – e dall’altra all’area Entertainment & Edutainment. Oltre all’intrattenimento, infatti, è prevista anche una parte dedicata dalla cultura e alla formazione, aperta anche a studenti e scolaresche. Il tutto sarà circondato da un Parco Pubblico di circa 45.000 mq, che ospiterà piste ciclabili, parchi gioco, aree attrezzate ad attività ginniche, e altro.

Le scelte dello stile architettonico non sono lasciate al caso: L22+StudioRolla hanno progettato nel completo rispetto dell’architettura del luogo: oltre al mantenimento della torre piezometrica esistente, a ricordo dell’anima industriale e operaia della Torino dei primi anni del ‘900, sono previste numerose gallerie commerciali porticate – con riferimento ai portici che caratterizzano la Città e le conferiscono un primato nazionale – mentre la pavimentazione scelta ricorda proprio lo sterrato delle tipiche cascine piemontesi.

Questa trasformazione verrà realizzata dall’Impresa Techbau SpA, che al momento è in piena attività edilizia per montaggio degli archi/portici e dei serramenti e che, su commissione di Romania Sviluppo srl, punta a consegnare agli utenti la Prima Fase, denominata Open Mall 1 (circa 25.000 mq di aree commerciali e ristorazione) già a metà del 2023. Due anni dopo è in programma l’ultimazione dell’ Open Mall 2 (20.000 mq in più a complemento della Fase 1), e a seguire l’Area Leisure – con attività ricreative, di gioco, intrattenimento, educazione, formazione nei suoi 23.000 mq di superficie – e, infine, il Retail Park di circa 17.000 mq che completerà l’intervento con una shopping area di alto livello.

Dallo studio di fattibilità è emerso che ToDream, data anche la posizione geografica strategica tra Torino e Milano, sarà in grado di attrarre fino a 2 milioni di visitatori distanti tra i 30 e i 40 minuti di automobile, per i quali sono previsti fino a 4.000 posti auto immersi nel verde; un’area di influenza notevole, ma che è perfettamente allineata all’enorme quantità di attività e possibilità che l’Intervento offre alla collettività. Non resta quindi che aspettare la realizzazione per poter godere dell’Urban District più grande del Piemonte.

Committente: Romania Sviluppo srl (Milano)

Architetto: Lombardini 22 (Milano) + Studio Rolla (Torino)

Impresa: Techbau SpA (Castelletto sopra Ticino, Novara)

Renders: Lombardini 22 (Milano)

Foto: Francesco Gullace




Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

Ingegnere Edile appassionato di Architettura e Ingegneria e operante nel settore delle Costruzioni, sia in Italia che all’estero.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.