Roma | EUR – Nelle Torri delle Finanze arriva FS

Fs ha scelto di stabilire la propria sede nelle Torri delle Finanze dell’Eur, abbandonando al momento l’idea di una torre esclusiva a Pietralata, vicino al nuovo stadio della Roma, dove è previsto un nuovo centro direzionale nei prossimi anni. Umberto Lebruto, Amministratore Delegato di Fs Sistemi Urbani, ha confermato questa decisione durante l’incontro “Roma Domani” tenutosi presso lo spazio Eventi La Lanterna in via Tomacelli.

Lebruto ha spiegato: “Nel breve periodo, avremo due sedi: la prima in piazzale della Croce Rossa, che rimarrà il quartier generale, e la seconda in alcune delle torri dell’Eur, dove abbiamo già concluso contratti e concentreremo altre sedi precedentemente sparse per Roma. Passeremo da 12 sedi in tutta la città a solo due. Riguardo all’area della Tiburtina, sicuramente svilupperemo quella zona”.

Ha poi aggiunto riguardo alla variante Tiburtina: “Siamo in dirittura di arrivo. Diventerà un importante tassello di ricucitura per quel settore. La parte di Pietralata, precedentemente in ritardo, diventerà realtà proprio con questa variante. Inoltre, considerando che lo stadio della Roma sorgerà sull’area dell’ex Sdo, posso confermare che coordineremo l’intera operazione, inclusa la gestione del traffico, con il progetto dello stadio. Inoltre, stiamo mettendo subito a disposizione un primo lotto, già con il piano di assetto attuale, ritenendolo maturo per essere introdotto sul mercato”.

La sede scelta da Fs all’Eur è situata nelle cosiddette Torri delle Finanze o Torri Ligini, precedentemente individuate come sede per Tim (che poi rinunciò all’operazione). I lavori per il rivestimento delle tre torri sono in corso e dovrebbero concludersi entro l’estate del 2024. Il Comune ha individuato una delle tre torri come possibile sede dell’Agenzia Europea Antiriciclaggio, nel caso in cui il Sindaco Roberto Gualtieri e il Governo Meloni riuscissero a convincere l’Unione Europea a scegliere Roma.

Il complesso delle Torri Ligini è composto da cinque edifici, di cui tre sono torri gemelle, con 17 piani ciascuna e un’altezza di 61 metri, mentre gli altri due sono basse costruzioni quadrangolari che originariamente ospitavano gli uffici di rappresentanza e della Guardia di Finanza. Si trovano a ridosso del lago dell’Eur, tra la via Cristoforo Colombo, viale Europa, via Boston e viale America.

Negli anni ottanta vennero aggiunte scale esterne che ne alterarono irrimediabilmente l’aspetto originale della facciata. Il 24 dicembre 2002, il secondo governo Berlusconi approvò un decreto di cartolarizzazioni promosso dal Ministro Giulio Tremonti, consentendo la vendita diretta degli immobili senza ricorrere a un’asta pubblica.

A quel punto le Torri delle Finanze vennero cedute a Fintecna, che nel 2005 iniziò lo smontaggio degli infissi, preludio alla completa demolizione del complesso. Nel frattempo, l’architetto Renzo Piano propose un progetto che prevedeva la costruzione di un grande edificio ad uso alberghiero residenziale. Nonostante le numerose proteste scoppiate per la demolizione di uno dei complessi edilizi più significativi degli anni cinquanta a Roma, una modifica al Piano Regolatore Generale (PRG) consentì la sua demolizione. Tuttavia, nel 2010, il Comitato Tecnico Scientifico per la qualità dell’architettura urbana e per l’arte contemporanea, presieduto da Paolo Portoghesi, si espresse in modo negativo sulla decisione, bloccando il progetto di demolizione.

Successivamente il fallimento della società Alfiere portò al blocco dei lavori e all’abbandono delle torri, da anni vuote e in semi rovina. Nel 2015, la TIM presentò un progetto di riconversione delle torri come quartier generale del gruppo, ma questo fu successivamente abbandonato dalla Giunta Raggi. Giungiamo al 2019, quando la Cassa Depositi e Prestiti, proprietaria del complesso, annunciò un restauro completo per trasformarlo in edifici destinati a uffici e abitazioni.

Il progetto presentato nel 2015 era quello proposto dallo Studio Wok che riportiamo di seguito.

Referenze immagini: Google, Studio Wok, Roma Sparita

Roma, Eur, Via Cristoforo Colombo, Riqualificazione, Ferrovie dello Stato

Per l'utilizzo delle immagini scrivere a info@dodecaedrourbano.com

3 commenti su “Roma | EUR – Nelle Torri delle Finanze arriva FS”

  1. Che senso ha riportare una dichiarazione resa dall’AD di FS Sistemi Urbani all’evento “Roma Domani” presso lo spazio Eventi La Lanterna in via Tomacelli quando l’incontro si è tenuto ben 9 mesi fa? Ce ne è stato un altro ma le dichiarazioni sono sempre le stesse? Giornalisticamente sarebbe stato più corretto attualizzare quelle informazioni: è ancora questa la strategia di FS di occupare le Torri Ligini? Evitiamo i copia incolla di notizie vecchie… Grazie

    Rispondi

Lascia un commento